Dreambox, il 26 gennaio esce il nuovo album di Franesco Taskayali

SULLO STESSO ARGOMENTO

Per le label Arealive/Edizioni Sugarmusic/Believe (con il l sostegno del MiC e di SIAE nell’ambito del programma “Per Chi Crea”), esce il 26 gennaio Dreambox l’inedito album del compositore Francesco Taskayali.

L’album verrà presentato dal vivo in esclusiva a Napoli il giorno 27 gennaio con uno showcase presso l’Auditorium Novecento.

Ingresso libero fino esaurimento posti, inizio ore 21.



    Anticipato dal video-singolo “Dreamscape Unveiled”, “Dreambox” è il nono full-lenght del pianista e compositore italo-turco, noto per le sue sonorità neo classiche dalle atmosfere oniriche ricche di pathos.

    Dopo la pubblicazione degli album e colonne sonore “Emre” (2010), “LeVent” (2011), “Flying” (2014), “Wayfaring”(2017), “Homecoming” (2019), “Piano Waves” (2020), “Nightlight” (2023), “Pandataria” (2023), oltre a lunghe tournée in Italia e nel mondo; Taskayali torna con un nuovo capitolo musicale ricco di fascino tutto da scoprire.

    La musica di Taskayali agisce come una sentinella dell’inconscio, svelando mondi che sfuggono alla visione ordinaria. Attraverso la sua esplorazione dei vari stati del sonno, l’album si propone di trasportare l’ascoltatore in un viaggio emozionante e fuori dall’ordinario.

    Taskayali possiede un talento straordinariamente eclettico, capace di innestare stili moderni e contemporanei nello studio classico. E’ figlio di una cultura a cavallo tra Occidente e Medio Oriente. La sua anima mediterranea e cuore cosmopolita ha una vita fatta di viaggi, musica e intimità.

    Come si evince da titolo Dreambox intende dare forma – in 14 tracce – ai propri sogni realizzando una raccolta degli stessi.

    Ogni brano dell’album aspira ad essere un sogno a se stante, un viaggio nell’immaginazione del compositore, maturata in esperienze altamente impattanti come i concerti sulle navi migranti, quelli sulle piattaforme galleggianti nel lago di Sabaudia, o nelle paludi del parco del Circeo.

    Dreambox vuole essere l’album più minimalista del compositore Italo-Turco e allo stesso tempo quello più evoluto essendo il suo nono album strumentale. Un viaggio sonoro nel minimalismo pianistico nord-europeo e mediterraneo traendo ispirazione dall’improvvisazione di Keith Jarrett, dal minimalismo di Nils Frahm ed Olafur Arnalds, dalla circolarità di Einaudi fino ad arrivare alle sonorità del mar nero, citate da Fazil Say, e alla ballate sui ritmi dispari.

    Un dualismo tipico dell’animo di Taskayali, un ponte come quello sul bosforo dove ha vissuto tra la musica occidentale e quella dell’Asia minore. Atmosfere sospese, ambientazioni musicali, colonne sonore, con armonie tipiche della cultura mediterranea.

    Con il sostegno del MiC e di SIAE nell’ambito del programma “Per Chi Crea”




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania e Tunisia. Le indagini sono partite da Polla, in provincia di Salerno, per poi coinvolgere i vertici della Regione Campania. Oltre ai funzionari coinvolti, diversi imprenditori del settore rifiuti sono stati posti in stato di fermo. Sono stati sequestrati beni di almeno tre aziende attive nello stoccaggio di rifiuti. L'indagine ha preso...

    Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

    I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE