Omicidio in discoteca a Palermo: l’assassino ha confessato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un altro omicidio a Balestrate, comune costiero del Palermitano. Questa volta la vittima è un giovane di 20 anni, Francesco Bacchi.

La tragedia è avvenuta nella notte tra il 12 e il 13 gennaio, dopo la chiusura della discoteca Medusa di via Palermo. Secondo una prima ricostruzione, dopo una discussione, è scoppiata una rissa in strada e il giovane è stato colpito a calci e pugni.

Bacchi è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Partinico, dove è morto poco dopo il suo arrivo.

    In serata è stato fermato un ventenne, che ha confessato il delitto. L’uomo ha detto di non aver avuto l’intenzione di uccidere la vittima, ma solo di picchiarla.  Il ragazzo fermato per la morte di Francesco Bacchi si chiama Andrea Cangemi e ha 20 anni. È accusato di omicidio preterintenzionale.

     Fermato un 20enne: ha confessato. “Volevo solo picchiarlo”

    Il padre di Francesco Bacchi, Nini, è considerato il re delle scommesse online e recentemente è stato coinvolto nell’inchiesta antimafia Game Over. Tuttavia, il delitto del figlio non avrebbe nulla a che vedere con il crimine organizzato.

    I carabinieri di Partinico, che conducono le indagini, stanno visionando le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona.

    L’omicidio di Francesco Bacchi è l’ennesimo episodio di violenza che si verifica a Balestrate. Nell’estate di due anni fa, sempre nel comune costiero, fu ucciso Vincenzo Trovato, 22 anni, durante una rissa.

    Il prefetto di Palermo, Massimo Mariani, ha parlato di “azioni di violenza stupida e aberrante”. Alcuni residenti avevano presentato un esposto alle forze dell’ordine per denunciare gli schiamazzi e i rischi legati all’assembramento di giovani davanti alla discoteca.

    Il sindaco di Balestrate, Vito Rizzo, si è detto “sgomento davanti a queste notizie che si ripetono ogni fine settimana”.

    @riproduzzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Quasi 500 i detenuti minori e giovani adulti in Italia, mai così tanti dal 2012

    Il numero complessivo di giovani detenuti nei 17 istituti penali per minorenni presenti nel Paese ammonta a 496, tra cui 13 donne (pari al...

    Arrestati due funzionari del porto di Gioia Tauro: facevano entrare la droga dal Sud America

    I Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito un provvedimento che dispone la custodia cautelare in carcere nei confronti di due funzionari...

    Il Presidente del premio Charlot, “Dal Governo un abuso di potere sulla gestione dei fondi”

    Il presidente del Premio Charlot, Claudio Tortora, ha espresso preoccupazione riguardo all'abuso di potere del Governo nella gestione dei Fondi sviluppo e coesione, ritenendo...

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    Ucciso a Lettere il boss dei narcos dei Monti Lattari: Ciro Gargiulo ‘o biondo

    Pranzo con il piombo, anzi con i proiettili di fucile per il boss dei narcos dei Monti Lattari, Ciro Gargiulo detto ciruzzo o' biondo....

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE