L'INTERVISTA

Agnelli su Juventus e Superlega: “Ho la coscienza a posto. Fatto tutto secondo le regole”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Rimango convinto che tutto ciò che abbiamo fatto, lo abbiamo fatto secondo le regole, secondo gli standard finanziari”. Lo ha detto l’ex presidente della Juventus Andrea Agnelli in una lunga intervista al Financial Times in cui ripercorre le vicende che lo hanno costretto a lasciare il suo incarico, dalla squalifica per il caso plusvalenze al caso Superlega.

Sempre a proposito del caso plusvalenze, Agnelli aggiunge: “Da quando il calcio si è trasformato da gioco in business non ha evoluto la sua governance per amministrare il business”. “È giusto dire che la maggior parte dei club perde soldi? Sì. Ma o siamo tutti incompetenti oppure il sistema ha qualche carenza”, sottolinea Agnelli che riavvolgendo il nastro non si dice affatto pentito di aver portato Ronaldo alla Juve.

“È stata una buona mossa. Datemi Ronaldo e fatemelo schierare senza pandemia, sarebbe stata un’altra storia”, insiste Agnelli. Inevitabile tornare poi sul progetto Superlega fallito in meno di 48 ore sotto la protesta di tifosi, esperti, giocatori e politici. Agnelli dice che è un “mistero” il motivo per cui i ribelli non abbiano resistito dopo aver firmato un contratto di 200 pagine per aderire.

“Non ho puntato una pistola alla testa di nessuno”, dice. “Hanno firmato tutti liberamente. Alcuni erano più coscienti. Ma hanno firmato tutti liberamente”, ribadisce. Dopo quella vicenda Agnelli è stato definito un bugiardo dal presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin e non solo. “Sono invidiosi”. Di cosa? “Non lo so. Il fatto che ho un obiettivo e cerco di raggiungerlo. Senza compromessi”, dichiara ancora l’ex presidente bianconero.

Alla domanda se esiste un modo per ricucire il rapporto con Ceferin, Agnelli dice: “La mia sensazione è che il tempo sarà galantuomo. E le cose probabilmente, si spera, prima o poi andranno bene. In caso contrario, ancora una volta, la mia coscienza è super pulita”. Nonostante Agnelli affermi che tra 50 e 60 club stanno discutendo sui nuovi piani per la Superlega, nessuno ha dichiarato pubblicamente il proprio interesse. Dei club originari solo Real Madrid e Barcellona restano impegnati.

Anche la Juventus, senza Agnelli alla guida, ha fatto marcia indietro. “Dateci tempo per lavorare”, dice. “Non è che le cose accadano come per magia”, aggiunge. “Dobbiamo trovare i club, perché se non abbiamo i club per partecipare alla competizione non possiamo raggiungere i consumatori”, conclude Agnelli.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli, lancia borsello con la droga dalla finestra: arrestata incensurata

E' accaduto a San Pietro a Patierno dove è finita in manette una donna di 26 anni

Sequestro preventivo di 49.800 euro a Castel Volturno: barbiere finto per ottenere il bonus del “Decreto Rilancio&...

Nell'ambito di un'indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, la Guardia di Finanza di Frattamaggiore ha eseguito un sequestro preventivo di 49.800...

Presentazione libro ‘I superbi. Una donna fra amori e vendette’ di Corrado Occhipinti Confalonieri alla Libr…

Martedì 20 febbraio alle ore 18.00 alla Libreria Raffaello (Vomero - NA) presentazione del libro di CORRADO OCCHIPINTI CONFALONIERI. Interviene l’autore CORRADO OCCHIPINTI CONFALONIERI Modera l’incontro...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE