Sequestrato resort abusivo sull’isola de Li Galli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Di certo non avrebbe fatto piacere al “tartaro volante”, ovvero il famoso ballerino di origini russe Rudolf Nureyev, morto a Parigi nel 1993 a soli 55 anni vedere la trasformazione di quella che era stato per anni la sua isola e il suo ritiro dove nel famoso salone di legno provava le sue splendide coreografie.

La Sezione operativa navale della Guardia di Finanza di Salerno stamane infatti ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di un edificio costruito abusivamente sull’isola de Li Galli, di fronte al comune di Positano, in Costiera Amalfitana.

Il corpo di fabbrica sequestrato, destinato ad area benessere, era diventato un vero e proprio resort di lusso. Si tratta di una struttura composta da svariate unità abitative autonome, ognuna delle quali dotata di piscina, da un eliporto, da un ristorante, da un centro benessere, strade di collegamento percorribili con minicar elettriche e da una chiesa.



    Il sequestro è stato disposto dal gip del Tribunale di Salerno, che ha parzialmente accolto la richiesta della Procura della Repubblica di Salerno. La Procura contesta la modifica dello strutturale assetto urbanistico dell’isola, dei ruderi di origine romana e delle unità abitative insistenti, non condonati, gravati da vincolo archeologico paesaggistico e monumentale, con conseguente aggravio del carico urbanistico.

    Sull’isola vi era un vincolo archeologico paesaggistico e monumentale

    Il gip non ha riconosciuto la sussistenza, ipotizzata dalla Procura, del reato di lottizzazione abusiva. La Procura ha presentato ricorso contro il provvedimento del gip.

    Il resort di lusso era pubblicizzato sui siti specializzati ed era diventato una meta ambita per turisti e vip. L’operazione della Guardia di Finanza ha posto fine a un’attività abusiva che ha danneggiato il patrimonio ambientale e paesaggistico della Costiera Amalfitana.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Avellino, cerca di portare figlia all’estero: fermata dai Carabinieri

    Una madre di origini straniere è stata fermata mentre cercava di portare la figlia di 4 anni all'estero, a Montefusco, in provincia di Avellino. Tutto è iniziato quando il marito ha segnalato alle autorità di essersi allontanato per qualche giorno e al suo ritorno aver scoperto il tentativo della moglie di lasciare il Paese con la bambina. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano sono intervenuti prontamente, identificando il veicolo e il conducente coinvolti nel tentativo...

    Teatro Bolivar: per la rassegna ‘Piccole storie di eroi’, in scena ‘Pierrot Napoliter’

    Continua, con il terzo dei quattro spettacoli, la rassegna #Familyhero, a cura di Martina Zaccaro, pensata per tutta la famiglia. Il Teatro Bolivar, via Bartolomeo Caracciolo 30, diretto da Nu’Tracks, ospiterà sabato 2 marzo alle ore 17.00 la rassegna teatrale "Piccole storie di eroi" a cura di Martina Zaccaro. Lo spettacolo offerto dalla Compagnia Poster - Popolare d’Avanguardia, intitolato "Pierrot Napoliter", è parte del programma educativo per le famiglie denominato "FamilyHero". Tratto liberamente dal celebre film...

    Caivano, casa trasformata in piazza di spaccio: arrestate due donne

    Valentina Cirico e Filomena Ambrosio, rispettivamente di 33 e 35 anni, avevano trasformato la casa in una vera e propria piazza di spaccio in cui ricevevano i clienti. I carabinieri stavano monitorando il continuo via vai di persone da quell'abitazione di Caivano e quando hanno capito che potevano trovare la droga sono intervenuti. Durante la perquisizione, infatti i Carabinieri hanno sequestrato 90 dosi di cocaina, 108 grammi della stessa sostanza da suddividere, 6 bustine di marijuana...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE