‘Ex voto canti alla divinità’, a Quarto il concerto di e con Fiorenza Calogero e Marcello Vitale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nell’ambito delle manifestazioni organizzate dal comune di Quarto, nella programmazione di eventi dal titolo dal titolo “QUARTO IN VIAGGIO PER LA LEGALITA’ TRA ARTE CULTURA E GASTRONOMIA” che hanno preso il via in occasione delle festività natalizie, il giorno 23 dicembre alle 19,30, nella chiesa S. Maria Libera nos a scandalis, è in programma il concerto “Ex voto”, canti alla divinità di e con Fiorenza Calogero e Marcello Vitale.

Fiorenza Calogero, dotata di uno strumento vocale versatile e sanguigno, propone insieme alla sua presenza ed espressività scenica, una kermesse di grande spessore, interpretando brani della tradizione napoletana ew italiana. “Una profondità vocale – si legge nella sua bio di presentazione – che trapassa la terra natìa – Napoli e la Campania – e spunta negli emisferi opposti, nelle selve, tra gli spiriti e i popoli che li abitano”.

Tra world music, canzone popolare, teatro e cinema la sua carriera sembra uno studio di etnografia che va ben oltre l’esperienza artistica.

    Nata e cresciuta a Castellammare di Stabia, Fiorenza Calogero è una delle voci di Napoli. La sua ventennale con il M° Roberto De Simone la porta ad intraprendere un cammino nel canto melodico di tradizione orale, la sua arte affonda le radici nei linguaggi e nelle suggestioni tipici della terra d’origine. La sua carriera è un percorso tra attività teatrali, cinematografiche e soprattutto concertistiche. La versatilità della voce, l’approccio sanguigno alla scrittura e l’espressività scenica, fanno di Fiorenza Calogero una delle più profonde interpreti della canzone tradizionale italiana.

    La versatilità della voce, l’approccio sanguigno alla scrittura e l’espressività scenica fanno di Fiorenza Calogero una delle più profonde interpreti della canzone tradizionale italiana.

    Una profondità verticale che trapassa la terra natìa – Napoli e la Campania – e spunta negli emisferi opposti, nelle selve, tra gli spiriti e i popoli che li abitano.

    Tra world music, canzone popolare, teatro e cinema la sua carriera sembra uno studio di etnografia che va ben oltre l’esperienza artistica.

    Con “Ex Voto” canti alla divinità, Fiorenza Calogero presenta un nuovo progetto musicale teso alla valorizzazione della musica tradizionale e dedicato ai canti del Natale napoletano; uno spettacolo che intrecciando la persona ai rituali della Fede, riveste il “voto” di un significato sublime. Il “voto” è allo stesso tempo un dono di pace, una “promessa” di riconciliazione con il mondo, un patto divino (“ex voto”) che si eleva alla sfera del sacro. Attraverso l’espressività del canto e dei suoni, rielaborati dal chitarrista e compositore Marcello Vitale, Fiorenza si cala in una personale interpretazione di brani appartenenti alla tradizione natalizia partenopea e non solo. Ex voto è una locuzione latina derivata da “ex voto suscepto”, “secondo la promessa fatta” e indica una formula apposta su oggetti offerti nei santuari per ringraziare il destinatario del dono (Dio, la Madonna, un santo) per aver esaudito una preghiera.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    La Procura di Benevento sequestra impianto di depurazione dei fanghi

    La Procura di Benevento ha disposto il sequestro preventivo di un impianto di essiccazione e 14 containers scarrabili utilizzati per i rifiuti contenenti fanghi...

    Trasferiti 1,2 milioni dagli Uffizi a Capodimonte

    Il Ministero della Cultura ha disposto il trasferimento di un milione e 200mila euro dal bilancio delle Gallerie degli Uffizi a quello del Museo...

    Omicidio dell’innocente Raffaele Pisa: ergastolo anche in appello per Perfetto e Legnante

    E' arrivata la sentenza di Appello per i due killer della vittima innocente Raffaele Pisa: ergastolo per Vitale Perfetto, conosciuto come "piett e fierr"...

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE