Marcianise, agli arresti domiciliari continua a spacciare: arrestato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Era sottoposto agli arresti domiciliari per spaccio di sostanza stupefacente il 26enne di Marcianise che, nella serata di ieri, è stato tratto in arresto dai carabinieri della locale Stazione per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

L’uomo, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 13 stecche di “hashish” per un totale di 28 grammi, già confezionate e pronte alla vendita, nonchè di 12 dosi di cocaina, già confezionate, per un peso complessivo di 3,6 grammi, di una stecca di “hashish” di 20 grammi e di una dose di “marijuana” di 1,1 grammi.

Lo stupefacente sequestrato è stato rinvenuto sia all’interno di un cassetto di un mobile della cucina che sopra il mobile forno.

    Nel corso dell’attività i militari dell’Arma hanno anche sequestrato la somma di 340,00 euro in denaro contante, due bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento.

    Il blitz è scattato dopo che i carabinieri hanno fermato giovane, che si era appena recato presso l’abitazione del 26enne, trovandolo in possesso di una dose di cocaina del peso di 0,3 grammi.
    L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Per l’acquirente, un 27enne del posto è, invece, scattata la segnalazione alla Prefettura.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Angri, ladri al ristorante con ragazzi autistici, Gemma: “Atto vile verso i più deboli”

    "Un attacco vile ha colpito il ristorante solidale Raù di Angri, in provincia di Salerno. Sono vicina ai fondatori del laboratorio che si occupa...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE