Carcere di Carinola: sequestrati 15 cellulari e droga nascosta anche in bocca ai detenuti

SULLO STESSO ARGOMENTO

150 agenti della Polizia Penitenziaria hanno fatto irruzione nell’istituto casertano all’alba, supportati dalle unità cinofile. I cani antidroga Spike e Susy hanno scovato hashish nascosto in diverse parti del corpo dei detenuti, anche in bocca.

“Complimenti per la brillante operazione – hanno commentato i vertici dell’Uspp – ma servono più risorse umane e strumenti tecnologici per garantire la sicurezza degli istituti di pena”.

L’operazione, coordinata dal provveditore regionale della Campania della Polizia Penitenziaria, ha avuto inizio all’alba di ieri e ha coinvolto 150 agenti tra quelli presenti nell’istituto e quelli provenienti dal Prap e dai nuclei provinciali, supportati dalle unità cinofile del nucleo regionale.

    I cani antidroga Spike e Susy, del distaccamento di Benevento e Avellino, hanno svolto un ruolo fondamentale nell’operazione, riuscendo a scovare hashish nascosto in diverse parti del corpo dei detenuti, anche in bocca.

    In particolare, Susy ha trovato due involucri di hashish in due celle diverse, mentre Spike ha scovato in quattro celle diverse diversi quantitativi di hashish, nascosta nelle parti intime e anche nella bocca dei detenuti.

    “Complimenti per la brillante operazione – hanno commentato Giuseppe Moretti e Ciro Auricchio, presidente e segretario regionale dell’Uspp – ma ricordiamo che bisogna però dotare la penitenziaria di strumenti tecnologicamente avanzati come gli inibitori di segnale per garantire maggiore sicurezza per gli istituti di pena. Ribadiamo, ancora una volta, che mancano risorse umane per combattere i continui tentativi di introduzione di cellulari e droga. A Carinola mancano 70 agenti e solo con grande fatica si riesce a mantenere l’ordine e la sicurezza”.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE