Casamicciola, ad un anno dalla tragedia gli sfollati tra speranze e rassegnazione

SULLO STESSO ARGOMENTO

La tragica alluvione del 26 novembre 2022 che ha distrutto parte di Casamicciola alta e provocato la morte di 12 persone, ha irrimediabilmente segnato per sempre tutti coloro che l’hanno vissuta e che, da sopravvissuti, oggi possono raccontare con la morte nel cuore quanto accaduto un anno fa sotto i loro occhi.

“Ricordo – ci ha raccontato Ida Trofa – il rumore assordante della montagna che ci cadeva addosso e poi fango, fango ovunque. Quando si è fatto giorno abbiamo visto tutti intorno a noi i corpi delle persone che non ce l’avevano fatta”. “Mio cognato – ricorda Nicola Di Iorio – mi venne a chiamare perché in piazza era successo il finimondo. Poi è sopraggiunta la seconda frana che era più violenta della prima e che ha portato giù di tutto: automobili, massi, alberi e travolgendo muretti e pali della luce. Sono rabbrividito solo a guardarle quelle scene”. In questo scenario di morte e distruzione, c’è chi per forza di cose come Giovanni Monti deve recarsi tutti i giorni nella parte alta del Celario per dare da bere e da mangiare agli animali.



    A due passi dal Celario, dove con estrema riservatezza una delegazione di volontari della Forio GB si è recata a deporre un fascio di fiori, in una deserta piazza Maio, un albero di Natale è stato sistemato accanto alla baracca realizzata nel 2017 e all’interno della quale sono conservati dei cimeli appartenuti ai soccorritori giunti qui in quella maledetta mattinata del 26 novembre 2022. Ci sono le magliette utilizzate dai Vigili del Fuoco, dai Volontari della Protezione Civile e dagli Uomini delle Forze dell’Ordine sistemate accanto alla zappa con cui fu ritrovata l’ultima vittima. Accanto questa baracca del popolo, le luci del Bar Monte sembrano voler lasciare accese le speranze di una popolazione messa in ginocchio prima dal terremoto e poi dall’alluvione.“Il Bar Monte – ci spiega Ida Trofa mentre sorseggia il caffè – è l’unica attività aperta in questo paese fantasma dove ormai non vive più nessun. Per noi rappresenta un punto di riferimento e una speranza”. Cosa aggiungere. Oltre ad inchinarci con immenso dolore al ricordo delle donne, dei bambini e degli uomini che quel maledetto 26 novembre 2022 persero la vita, esprimiamo solidarietà ai sopravvissuti e agli sfollati nella speranza che un giorno possano ritornare nelle proprie case e poter così riassaporare un minimo di normalità.

    Gennaro Savio

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    La magia della tradizione musicale napoletana e il legame con la geografia: presentazione del libro di Vincenzo Aversano

    Il prossimo sabato 2 marzo, alle ore 11, presso la libreria Imagine's Book di Salerno, verrà presentato il libro "Canzona napulitana-Spiragli geo-artistici d'una civiltà glocale" di Vincenzo Aversano, edito da Edizioni Gutenberg. Il volume si inserisce nel contesto della cultura napoletana, esplorando la profonda connessione tra la musica tradizionale e il paesaggio della città. La canzone napoletana rappresenta un universo sonoro complesso, influenzato da molteplici fonti e tradizioni. Pur avendo assorbito varie contaminazioni nel corso...

    Napoli, il Comune: lo Stadio Maradona sarà pronto ad ospitare le gare di Euro 2032

    Secondo Nino Simeone, presidente della Commissione consiliare ai Trasporti, Infrastrutture e Lavori Pubblici del Comune di Napoli, si faranno i lavori senza che la squadra vada a giocare altrove

    Procida, nasconde la droga cospargendola di profumo alla menta: arrestato pusher di Castellammare

    Un uomo di 28enne di Castellammare di Stabia è stato arrestato a Procida per detenzione illecita di sostanze stupefacenti. L'uomo è stato notato aggirarsi con fare sospetto nella zona portuale di Procida dagli agenti del Commissariato di Ischia. Al controllo, i poliziotti hanno trovato nei suoi pantaloni un involucro chiuso ermeticamente che emanava un forte odore di menta. Insospettiti, hanno aperto l'involucro e hanno trovato al suo interno 10 involucri di hashish, per un peso complessivo di...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE