“Sono pazza dei casalesi”, la scritta choc sul litorale del Villaggio Coppola

SULLO STESSO ARGOMENTO

Hanno completamente monopolizzato, inquinandola, l’economia di un territorio, hanno lastricato le strade di sangue, piombo e morti ammazzati, hanno avvelenato terreni e colture mischiandoli con tonnellate di rifiuti tossici, hanno deciso vita e morte di tutti, hanno dettato legge anche sui costumi.

Eppure qualcuno ancora non riesce a ribellarsi all’egemonia criminale del clan dei Casalesi. Anzi addirittura li ama.

Su uno scoglio del litorale del Villaggio Coppola è comparsa la scritta “Sono pazza dei casalesi”. Un’immagine postata dalla Facebook “Viaggi nel degrado” e che diversi utenti hanno segnalato al deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra.

    “E’ pazza e basta. Solo una mente malata può concepire scempiaggini simili. Osannare chi da sempre rappresenta un cancro per la propria terra è da essere immondi e rende complici di quei criminali che hanno portato soltanto morte, distruzione e dolore“, commenta Borrelli.

    “ I camorristi e i mafiosi non sono delle rockstar ma esseri spregevoli, ingranaggi di un meccanismo ancora più spregevole di loro. Soltanto un ‘sano disprezzo’ verso questa realtà può innescare un movimento di rinascita ma finché ci saranno persone che vedono in boss e camorristi degli idoli sarà molto difficile portare avanti questa battaglia. Serve un cambio radicale e collettivo di mentalità e lo Stato può incentivarlo introducendo il reato, come proponiamo noi da alcuni anni, di apologia.”



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Trovato morto nel Volturno, Giovanni Izzo, l’ex affiliato ai Casalesi era scomparso da sabato

    Il corpo senza vita di Giovanni Izzo, ex affiliato al clan dei Casalesi, è stato trovato senza vita nel fiume Volturno. L'uomo era scomparso da sabato sera.La sua auto, una Fiat Panda di colore azzurro, era stata trovata ieri in località Lontro degli Schiavi, vicino al fiume Volturno nel comune...

    Perché Schiavone si è pentito: i tanti misteri sulla decisione del sanguinario boss

    Perché l’ex boss dei Casalesi, il famigerato Sandokan  si è pentito? E' la domanda che si stanno facendo tutti i professionisti dell'antimafia ma non i magistrati che stanno ascoltando le sue confessioni da un mese. Al momento ai comuni mortali non è noto il motivo preciso per il quale Schiavone...

    CRONACA NAPOLI