Sant’Antonio Abate, Ilaria Abagnale: ‘Adottato il PIP, occasione di sviluppo’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“L’adozione della delibera per il Piano per gli insediamenti produttivi sarà una grande occasione di sviluppo per le periferie e per l’intera città”. A dirlo è Ilaria Abagnale, sindaca di Sant’Antonio Abate.

“La delibera del PIP è un passo decisivo verso il piano attuativo – spiega Ilaria Abagnale – che sarà approvato nelle prossime settimane e che doterà finalmente Sant’Antonio Abate di uno strumento urbanistico decisivo per lo sviluppo industriale. Con questo documento, abbiamo rivisto alcuni parametri che hanno migliorato lo strumento urbanistico”.

Grazie al nuovo piano, nelle aree individuate dal PIP potranno insediarsi nuove attività industriali, artigianali e logistiche, commerciali e direzionali. L’area sarà suddivisa in macrocomparti produttivi e saranno ulteriormente migliorati i collegamenti viari verso la Bretella M3.

    “Il documento – afferma la sindaca di Sant’Antonio Abate – detta dei puntuali indirizzi politici che vanno a rivedere le misure del comparto minimo, che ora verranno fissate in 40mila metri quadrati, e le misure del lotto minino, che scendono a 2mila metri quadrati. Tutto ciò perché le dimensioni dell’area PIP sono consistenti, ma al tempo stesso saranno date maggiori possibilità di partecipazione anche ad aziende con minori esigenze di investimento”.

    Tra le novità previste dal PIP c’è il superamento “della destinazione monofunzionale dei comparti. Inoltre – aggiunge Ilaria Abagnale – non verrà data la possibilità di monetizzazione delle urbanizzazioni, mentre ogni comparto dovrà garantire una compiuta ed autonoma realizzazione delle opere necessarie. Tra gli accorgimenti che sono stati presi, c’è anche la riduzione dell’area ludico-ricettiva a 50mila metri quadrati, così da favorire la creazione di un altro comparto, magari di natura commerciale, che permetterà di avere maggiori opportunità alle aziende che vogliono investire”.

    Il piano interesserà una superficie di circa 520mila metri quadrati a ridosso di via Scafati e via Casa Iovine e, soprattutto, verso la Bretella M3 che collega il centro cittadino direttamente con la Statale 268 del Vesuvio e l’Autostrada Napoli-Salerno. “Il piano – conclude Ilaria Abagnale – ci permetterà di riqualificare in maniera decisa quella zona di Sant’Antonio Abate, con la possibilità di avere nuovi insediamenti produttivi, nuovi posti di lavoro e nuovi servizi. Il PIP era uno degli obiettivi che questa amministrazione voleva raggiungere”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Messaggi in rete: “Borrelli è grave”, ma è una Fake news. Il deputato: “Sto benissimo”

    La diffusione di un messaggio vocale da una chat all'altra nel pomeriggio di oggi ha generato preoccupazione. Una voce maschile annunciava che il deputato napoletano...

    Novichok: cos’è l’arma chimica che ha avvelenato Alexei Navalny

    Il Novichok è  un veleno appartenente ad un gruppo di agenti nervini di quarta generazione sviluppati dall'Unione Sovietica negli anni '70 e '80. Sono...

    La Procura di Benevento sequestra impianto di depurazione dei fanghi

    La Procura di Benevento ha disposto il sequestro preventivo di un impianto di essiccazione e 14 containers scarrabili utilizzati per i rifiuti contenenti fanghi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE