Napoli, detenuto 51enne morto d’infarto a Secondigliano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un detenuto è morto ieri all’interno dell’articolazione psichiatrica del carcere di Secondigliano, a Napoli. Il detenuto, 51 anni, sposato con figli, sarebbe morto a seguito di un infarto, ma la causa del decesso verrà accertata con l’esecuzione dell’autopsia nei prossimi giorni.

A denunciare l’accaduto è il garante dei detenuti della Campania Samuele Ciambriello. “Salvatore – ricorda Ciambriello – è il quarto detenuto morto in Campania per un decesso le cui cause sono ancora da accertare. Sulle persone diversamente libere, e malati psichiatrici, mi chiedo: è necessario il carcere, un carcere a vita?”.

Ciambriello spiega che “Salvatore qualche mese fa aveva fatto richiesta per una misura alternativa che non gli era stata concessa. Cosa c’è bisogno per i detenuti malati psichiatrici?

    All’interno della nostra Costituzione il diritto alla salute è sancito dall’articolo 32, unico articolo in cui compare l’aggettivo fondamentale per tale diritto. Posso testimoniare che nelle carceri italiane e campane per diverse ragioni, per diverse motivazioni, tale diritto a volte non è rispettato, supportato, promosso e questo non solo dalle autorità sanitarie.

    Per i detenuti che vivono con un problema in più, salute mentale, tossicodipendenza, solitudine, la maggiore afflizione della detenzione è il tempo inutile, il tempo vuoto, il sentirsi soli e abbandonati dal mondo esterno. Per questo lancio un appello: non si può continuare a morire di carcere in carcere”, conclude Ciambriello.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, furti in serie in abitazioni e cantieri: quattro misure cautelari

    Quattro uomini sono stati raggiunti dalle misure emesse dal gip del tribunale di Napoli Nord per reati di furto aggravato, ricettazione e resistenza a...

    Protesta dei dipendenti del Castello delle Cerimonie. Il sindaco: “Salvaguardare i lavoratori”

    I lavoratori del Grand Hotel La Sonrisa, conosciuto come il Castello delle Cerimonie, hanno marciato in corteo per protestare contro la confisca dell'albergo. Il sindaco...

    Salerno, perseguita la ex moglie, braccialetto elettronico per 50enne

    Divieto di avvicinamento e braccialetto elettronico per un 50enne della provincia di Salerno che da mesi perseguitava la ex moglie. I Carabinieri della stazione di...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE