Mirabella Eclano, pedina la ex moglie: scatta il divieto di avvicinamento

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri della compagnia di Mirabella Eclano, in provincia di Avellino, hanno eseguito una misura cautelare, su disposizione del gip del Tribunale di Avellino, richiesta dalla Procura irpina.

La misura riguarda un divieto di avvicinamento e un divieto di accesso al comune di Prata di Principato Ultra nei confronti di un 53enne di Montefusco, gravemente indiziato del reato di atti persecutori aggravati da una pregressa relazione sentimentale.

Il sospettato, dopo una tumultuosa separazione mai accettata, avrebbe, secondo le indagini, pedinato sistematicamente la sua ex moglie negli ultimi due anni. Tale persecuzione avveniva lungo il percorso che la donna faceva dalla sua nuova abitazione al luogo di lavoro.

    Inoltre, avrebbe inviato messaggi minatori all’ex coniuge. Le indagini, condotte dalla Stazione Carabinieri di Montefusco e coordinate dalla Procura di Avellino, hanno evidenziato la pericolosità delle condotte dell’uomo, che è stato sottoposto alla misura restrittiva eseguita oggi.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Minaccia di gettarsi nel vuoto per evitare l’arresto a Sant’Angelo dei Lombardi

    Una mattinata movimentata a Sant'Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino, si è conclusa fortunatamente senza conseguenze, quando un uomo di 63 anni ha...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE