MetaCourt, la prima simulazione processuale nel Metaverso

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’Università degli Studi di Salerno ospita il primo caso in Italia di dibattimento simulato nella realtà virtuale. L’evento, organizzato dalle Cattedre di Diritto Penale e Procedura Penale e di Diritto Penale e Intelligenza Artificiale, si terrà il 1° dicembre 2023 dalle 15 nell’aula Dalia del Dipartimento di Scienze Giuridiche.

Gli studenti partecipanti, muniti di visori di realtà aumentata, si caleranno nelle vesti di pubblico ministero, difensore e giudice 2.0 in un tribunale digitale nel Metaverso. L’esperienza sarà davvero unica e immersiva, consentendo agli studenti di sperimentare in prima persona le potenzialità di questa nuova tecnologia.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sui canali social del Dipartimento di Scienze Giuridiche.



    “Dopo il primo test di processo penale nel Metaverso effettuato in Colombia nel febbraio 2023”, hanno dichiarato i professori Andrea R. Castaldo e Fabio Coppola, “abbiamo sentito la responsabilità di raccogliere la sfida del futuro, conducendo un esperimento accademico che concretamente mostrasse le potenziali intersezioni tra questa tecnologia immersiva e il mondo legale.

    Abbiamo coinvolto un elevato numero di studenti per il contest e riusciremo a trasmettere l’evento oltre i confini accademici grazie alla trasmissione streaming sui canali social del DSG. Siamo davvero entusiasti e curiosi di vedere a cosa porterà questo primo esperimento”.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE