Filippo Turetta è arrivato dalla Germania ammettato mani e piedi ora verso il carcere di Verona

SULLO STESSO ARGOMENTO

Filippo Turetta, accusato dell’omicidio di Giulia Cecchettin, è stato consegnato stamani a Francoforte dalle autorità tedesche alle forze di polizia italiane ammanettato alle mani e ai piedi, come è prassi in Germania per motivi di sicurezza per i detenuti che potrebbero fare gesti inconsulti e ritenuti pericolosi. 

Atterrato in anticipo all’aeroporto di Venezia intorno alle 11,30 Filippo Turetta, al quale il magistrato in una saletta dello scalo veneto gli ha notificato l’ordinanza cautelare è uscito poi verso le 13,30 da un’uscita secondaria con destinazione Verona.

Il giovane accusato dell’omicidio di Giulia Cecchettin è trasportato a bordo di una Lancia Delta con i vetri oscurati, preceduta da due motociclette e tre automobili di scorta.

    L’avvocato Giovanni Caruso arrivato nel carcere di Verona, intorno alle 13 invece si è intrattenuto brevemente con i giornalisti.

     Il legale lo attende al carcere di Verona

    Il legale ha spiegato che non ha ancora avuto modo di parlare con il giovane. A chi gli ha fatto presente che Turetta è apparso rassegnato durante la consegna alle autorità italiane, Caruso ha risposto: “Sono valutazioni premature”. Sarà soltanto lui come legale a incontrare oggi Turetta, appena arriverà.

    L’avvocato Caruso ha chiarito ai cronisti che non ha avuto modo di incontrare ancora Turetta, nemmeno in aeroporto a Venezia. “Oggi sarà la prima volta che lo incontro, non è possibile ora dare indicazioni o fare valutazioni”, ha spiegato in sostanza il difensore, entrando in carcere dove attende l’arrivo di Turetta

    @riproduzione riservata

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE