Cibo per i morti, un’usanza antica che continua a vivere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il 1 e il 2 novembre sono i giorni dedicati alla commemorazione dei defunti, una ricorrenza che in Italia è ricca di tradizioni e usanze, tra cui quella di lasciare del per i .Ad esempio a Sarno in Campania ancora oggi questa usanza è molto praticata, cosi come in costiera sorrentina.

Questa tradizione ha origini antiche, che risalgono al paganesimo. In epoca precristiana, si credeva che le anime dei defunti tornassero sulla terra durante la notte tra il 1 e il 2 novembre per fare visita ai propri cari. Per accoglierle al meglio, si lasciava loro del cibo e delle bevande sulla tavola.

Con l'avvento del cristianesimo, questa tradizione si è trasformata in un modo per ricordare e onorare i defunti. Il cibo, in questo caso, rappresenta un simbolo di affetto e di cura.

    I piatti tipici

    I piatti tipici che vengono lasciati per i morti variano da regione a regione. Tra i più diffusi ci sono:

    • La zuppa di ceci, un piatto povero e nutriente che rappresenta la speranza di una vita eterna.
    • Le castagne, un alimento che simboleggia l'immortalità.
    • I dolci, che sono un segno di gioia e di speranza.

    Altri riti e usanze

    Oltre a lasciare del cibo per i morti, in Italia ci sono altre tradizioni e usanze legate a questa ricorrenza. Ad esempio, in alcune regioni si va a visitare i cimiteri per portare fiori e accendere lumini sulle tombe dei propri cari. In altre, si preparano dei dolci tipici, come i bonet piemontesi o le cassatelle siciliane.

    Il significato di queste tradizioni

    Le tradizioni e le usanze legate al cibo per i morti hanno un significato profondo. Sono un modo per ricordare e onorare i defunti, ma anche per esprimere il proprio affetto e la propria speranza di una vita eterna.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO