Castellammare, operaio Fincantieri morto per mesotelioma; famiglia risarcita con un milione di euro

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Corte di Appello di Napoli conferma la sentenza di condanna di Fincantieri Spa e Sait Spa al risarcimento del danno per il decesso dell’operaio Angelo T. avvenuto per un mesotelioma da esposizione alle fibre di amianto il 5 marzo 2016, a 72 anni, dopo grandi sofferenze.

I familiari della vittima, la moglie Francesca, i figli Alfonso e Maria, hanno pertanto ottenuto un indennizzo pari a un milione di euro. “Con questa sentenza – evidenzia l’avvocato Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio nazionale amianto – si aprono le porte al risarcimento dei danni anche per tutte le altre vittime nel cantiere navale di Castellammare, soprattutto con in riferimento alla congruità del risarcimento per esposizione professionale del lavoratore all’amianto”.

La storia di Angelo, nato e residente con tutta la sua famiglia a Castellamare di Stabia è simile a quella di tanti altri lavoratori esposti ad agenti patogeni letali. L’uomo ha lavorato dal 1963 al 1995 per l’azienda Sait che forniva manodopera alla Fincantieri.



    Nello specifico, ha svolto mansioni di manovale fino al 1966, pittore per due anni e poi coibentatore, sempre a contatto diretto con le polveri di amianto. A confermare l’esposizione anche Roberto Ficuciello, specialista in medicina legale e delle assicurazioni, che ha riconosciuto il nesso di causalità tra la patologia riscontrata e il lavoro svolto dall’ex dipendente.

    “L’ambiente di lavoro – si legge nella decisione – era al chiuso, all’interno dell’unità navale, e privo di aspiratori localizzati delle polveri e senza ricambio di aria. Locali chiusi, come la sala macchine, presso i quali trascorreva l’intera giornata lavorativa, gomito a gomito anche con altri colleghi”. Le attività che svolgeva “determinavano aerodispersione di polveri e fibre di amianto, che rimanevano liberate nell’aria”.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Stefano Piccirillo a Salerno il 2 marzo presenta il suo nuovo libro ‘Sta scrivendo…’

    Stefano Piccirillo, noto scrittore e speaker radiofonico di Radio Kiss Kiss, si prepara per due imperdibili eventi di presentazione: il 2 marzo a Salerno e il 9 marzo a Napoli. Sabato 2 marzo alle ore 19.00, presso la libreria “Imagine’s Book” in Corso Garibaldi a Salerno, presenterà il suo ultimo libro "Sta scrivendo…" (Ed. Guida), che sta riscuotendo un grande successo grazie al suo stile appassionato, ironico e sognante. La storia racconta di Chicco e...

    Portici, 17enne accoltellato in strada: “Ho reagito un tentativo di rapina”

    Un giovane di 17 anni, senza precedenti penali, è stato aggredito con un'arma da taglio mentre si trovava in via Farina a Portici nel pomeriggio. È stato trasportato all'Ospedale del Mare, dove ha ricevuto le cure necessarie. Durante il ricovero, ha raccontato alla Polizia del Commissariato di Ponticelli di essere stato ferito durante un tentativo di rapina mentre passeggiava per strada. Attualmente, la Polizia del Commissariato Portici-Ercolano sta conducendo le indagini sull'episodio. Gli agenti stanno verificando la...

    Arrestato Sergio Altivalle a Benevento per spaccio di droga

    Sergio Altivalle, un noto pluripregiudicato di 33 anni di Benevento, è stato arrestato ieri notte dalla Guardia di Finanza del Comando di Benevento per il reato di spaccio aggravato di 50 grammi di sostanza stupefacente. Attualmente in attesa della convalida dell'arresto, Altivalle ha nominato l'avvocato Vittorio Fucci come suo difensore di fiducia e gli sono stati concessi gli arresti domiciliari.

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE