Castellammare, vigilante si schianta con l’auto di servizio e muore

SULLO STESSO ARGOMENTO

Tragico incidente stradale intorno alle due della notte appena trascorsa per le strade di Santa Maria La Carità.

I Carabinieri della locale stazione sono intervenuti in via Carrara per un incidente stradale. Poco prima un 32enne di Castellammare di Stabia, collaboratore di un istituto di vigilanza, per cause in corso di accertamento perdeva il controllo della fiat Panda di “servizio” sulla quale era a bordo finendo fuori strada. L’impatto ne ha causato il decesso.

La salma è stata sequestrata a disposizione dell’Autorità giudiziaria e trasferita nell’obitorio di Castellammare per la successiva autopsia.

    I carabinieri hanno effettuato i rilievi e hanno avviato le indagini per  accertare le cause dell’incidente e capire se vi siano altre auto coinvolte che potrebbero aver causato l’incidente mortale.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    ‘Madame Camorra’ di Giovanni Terzi: presentazione del libro a Salerno

    Il 24 febbraio, alle ore 17:30, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, 29, si terrà la presentazione...

    Pagani, sequestrata una fabbrica che riproduceva illegalmente prodotti della SSC Napoli

    Un ingente quantitativo di merce contraffatta sequestrata, tre lavoratori in nero denunciati Nell'ambito dell'intensificazione delle attività di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza di...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE