‘Bimbo senza fretta’, il nuovo singolo di Ortel in uscita venerdì 17 novembre

SULLO STESSO ARGOMENTO

La solitudine di una stanza, pochi giocattoli simbolici e gli spazi aperti e naturali del Vesuvio. Il di è una canzone nata al pianoforte e realizzata su ritmi cosmic-dance-pop.

Il nuovo singolo-videoclip di Ortel, alias creativo di Oreste de Divitiis, è quasi una filastrocca addolorata che nella produzione e negli arrangiamenti di C4alesse (Alessio Ammiratore) diventa un vortice sprint di musica e immagini. Quelle ambientate in scenari intimi, che alludono e lasciano emergere una condizione di alienazione, e quelle girate a ridosso del vulcano, significante visivo – sceneggiatura e regia di MadeByLuca – di una canzone che vuole essere reazione e rinascita, sono le prospettive del brano che verrà pubblicato ufficialmente venerdì 17 novembre.

A quasi due mesi dal precedente singolo-videoclip, “BLU”, che fin qui ha ricevuto oltre 80mila ascolti sulle piattaforme streaming digitali, il cantautore napoletano si ripropone con una canzone che è una sorta di ballad adrenalinica.

    “Non mi è mai mancato nulla, sin dalla mia infanzia – spiega l'artista, autore e interprete del pezzo il cui videoclip sarà visibile online a tutti dalle 14 del medesimo giorno di novembre – e per non generare confusione e malintesi voglio ribadirlo subito. “Bimbo senza fretta” non è altro che una descrizione dei fatti, senza finto buonismo e senza diventare patetico.

    Una descrizione dei fatti come se facessi l'interrogatorio a me stesso. Cosa vedono gli occhi di un bambino quando i genitori si allontanano senza farsi la guerra? Il risultato di tutte le azioni intorno a te è sentirsi soli. Da solo nella mia stanza. Da solo a disegnare. Da solo a giocare con la mia palla da basket. Da solo a scegliere scarpe. Tutt'ora capita che se sono troppo a contatto con molte persone io tendo a isolarmi un po'. Ritorno a quel silenzio improvviso. Eccolo, il valore di questo ritornello: “Che non c'eravate quando ne avevo bisogno, non solo di uno alla volta ma di tutti e due”. In teoria questi versi suonano iper drammatici. Nella realtà, i miei genitori mi hanno protetto però desideravo averli entrambi accanto. Entrambi dalla mia parte. Bimbo senza fretta è l'accumulo dei ricordi, con il me adulto che rasserena il me del passato.

    “Prendi la mia mano ti porto al sicuro / fai un sorriso non ascoltare nessuno”. Può risultare buffo eppure è lo stato delle cose. Alla fine mi sono ritrovato a dover crescere velocemente anche se non c'era nessuna fretta. In fin dei conti sono felice sia andata così: queste emozioni ispirano le canzoni e la musica che scrivo adesso”.

    Già osannato dalle classifiche e dalle playlist di Spotify [targa per 1 milione di ascolti totali; “Quel bellissimo difetto”, 140mila stream; “Nostalgia”, targa 500.000 stream; “È colpa mia”, oltre 100.000 stream], che per tanti teenager è la bussola in cui trovare i loro punti cardinali musicali, Ortel mostra in questa canzone che per essere introspettivi si può anche incidere un brano prorompente.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO