Napoli, attacco hacker all’azienda idrica del comune Abc

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella notte di domenica 26, l’Abc Napoli, azienda speciale del Comune, è stata presa di mira da un attacco ransomware.

L’azienda ha prontamente denunciato l’accaduto alle autorità competenti e ha avviato la procedura d’emergenza per fermare la diffusione del virus nei suoi sistemi aziendali, sospendendo temporaneamente i servizi online e di front office.

L’obiettivo è il ripristino sicuro delle normali attività per garantire ai cittadini la regolare erogazione dei servizi idrici e fognari, con la riapertura degli sportelli sul territorio prevista per lunedì 4 dicembre.

    Questo ha comportato la sospensione temporanea dei servizi online e di front office. Tuttavia, l’azienda è al lavoro per ripristinare al più presto le normali condizioni operative e riaprire gli sportelli sul territorio, garantendo nel frattempo la regolare erogazione dei servizi idrici e fognari.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE