Napoli, si rompe fognatura: allagamenti a San Pietro a Patierno

SULLO STESSO ARGOMENTO

Si rompe una fognatura, e l’acqua finisce in uno scantinato privato e nella centralina che fornisce l’energia elettrica ad un intero quartiere.

E’ quanto accade in via Icaro nel quartiere San Pietro a Patierno di Napoli, dove già una decina di giorni fa i residenti di una palazzina a due piani hanno allertato vigili urbani e pompieri per l’allagamento dello scantinato ed ora annunciano azioni legali in mancanza di interventi risolutivi.

Sono stati gli stessi residenti ad allertare pompieri e vigili urbani lo scorso 10 novembre, e durante i controlli sarebbe emerso che le infiltrazioni erano provocate dalla rottura di un condotto fognario adiacente all’edificio.

    Ma nonostante alcuni interventi effettuati in questi giorni, l’acqua continua a infiltrarsi nella cantinola dell’abitazione ed ora i residenti temono per la propria incolumità.

    “Non si può attendere la tragedia – spiega Giovanni Grillo, uno dei residenti della palazzina – l’acqua potrebbe arrivare alle fondamenta e mettere a rischio la palazzina dove vivono tre nuclei familiari, anche con bambini piccoli, e sono presenti alcuni negozi. Le infiltrazioni hanno raggiunto una centralina elettrica, e l’intero quartiere rischia di restare al buio se non si interviene.

    Abbiamo acquistato un’elettropompa sommersa per far defluire l’acqua dallo scantinato, ed è perennemente in funzione. La VII municipalità ha più volte chiesto l’intervento definitivo della società che gestisce le condotte fognarie, e l’acqua, nonostante alcuni lavori palliativi, continua a sgorgare nel nostro scantinato, dove non possiamo accedere perchè ritenuta area pericolosa dagli stessi tecnici intervenuti.

    Ci sembra di assistere ad uno scaricabarile tra le parti, ma a rischio c’è la nostra vita, non si può recriminare quando accadono le tragedie se non si interviene”.

    I residenti della palazzina hanno quindi diffidato Comune di Napoli e la società che gestisce il servizio fognario ad intervenire per risolvere definitivamente il problema, annunciando, in caso contrario, azioni legali a tutela della propria incolumità.

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, vede la polizia e cerca di inghiottire le dosi: arrestato a Porta Capuana

    Durante i servizi predisposti dalla Polizia di Stato, i Falchi della Squadra Mobile hanno individuato un individuo che stava per cedere droga a due...

    Casalnuovo, ‘Una Città Che Scrive’ dedica la nona edizione del Premio Letterario a Giulia Cecchettin

    L'ideatore del premio, Giovanni Nappi, ha sottolineato che questa edizione rappresenta un forte e chiaro messaggio contro la violenza sulle donne. Il bando per il...

    Quarto, schianto dopo la partita, muore arbitro di 22 anni

    Fabio Buoninsegni, un arbitro di calcio di 22 anni, di Quarto è morto in seguito a un grave incidente stradale avvenuto dopo una partita...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE