Giugliano, tenta di investirla e poi la segue in ospedale: arrestato 52enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Questa notte a Giugliano in Campania i carabinieri della locale compagnia hanno arrestato per atti persecutori e lesioni un 52enne di Mugnano di Napoli.

I militari – allertati dal 112 –sono intervenuti nell’ospedale San Giuliano. Due uomini stavano litigando: era il 52enne che litigava con un uomo poi rivelatosi il fratello della sua ex fidanzata. Erano circa 6 mesi che i 2 si erano lasciati ma lui non aveva accettato la fine della relazione.

Poco prima il 52enne aveva tentato di investire la ex. L’aveva attesa dopo le diverse minacce e le persecuzioni che andavano avanti da 6 mesi. Lei lo aveva lasciato perché era un violento e solo la fortuna ha voluto che non venisse investita.

    La vittima è stata quindi accompagnata in ospedale dal fratello e poco prima che arrivassero i carabinieri nel pronto soccorso, l’uomo aveva raggiunto la donna nella sala d’attesa aggredendola con un calcio e diversi strattoni.

    La vittima era svenuta, da qui l’intervento del fratello, tra le urla dei tanti presenti. I carabinieri bloccano l’uomo e, visti i suoi precedenti per detenzione di armi, decidono di andare nell’abitazione di residenza per una perquisizione. Lì i militari trovano e sequestrano 28 grammi tra hashish e marijuana già suddivisi in dosi. Il 52enne – denunciato anche per detenzione di droga a fini di spaccio – è stato trasferito in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Approvato il Documento strategico di indirizzo per il Piano Urbanistico di Napoli

    Nella Commissione Urbanistica di Napoli è stato approvato all'unanimità il Documento strategico di indirizzo che orienterà le politiche urbanistiche del Comune in previsione della...

    Scafati, sequestrati 2 milioni di prodotti per creare bijoux con tecnica “wire”

    Nell'ambito di un'operazione mirata al contrasto del commercio di articoli non sicuri, la Guardia di Finanza di Salerno ha sequestrato circa 2 milioni di...

    Morti sul lavoro, presidio di Cgil e Uil  domani in piazza del Plebiscito a Napoli

    Napoli. Domani mercoledì 21 febbraio, alle ore 15, è previsto un presidio promosso da Cgil e Uil insieme alle categorie degli edili Fillea e...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE