IL BILANCIO

Controlli a Sant’Antimo, allacci abusivi e droga nei vani contatori

SULLO STESSO ARGOMENTO

I carabinieri della tenenza di Sant’Antimo sono stati impegnati in un servizio a largo raggio che ha rivelato un quadro più complesso di attività illecite nella zona. I militari, con il prezioso contributo del personale Enel, hanno scoperto e denunciato 5 persone residenti a via Galilei per furto aggravato di energia elettrica.

All’interno delle abitazioni coinvolte, sono stati rinvenuti degli allacci abusivi direttamente collegati alla rete montante Enel, e il danno patrimoniale è ancora oggetto di valutazione. Durante le attività di indagine a largo raggio, all’interno di un vano contatore condominiale, i carabinieri hanno trovato non solo allacci illegali, ma anche una quantità significativa di sostanze stupefacenti.

In particolare, sono stati confiscati 70 grammi di hashish, 20 grammi di marijuana e 10 grammi di cocaina. Ancora più preoccupante, queste droghe erano già suddivise in dosi pronte per la vendita al dettaglio, mettendo in evidenza un’attività criminale ben organizzata nella zona.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Arrestato pusher a Villa Literno grazie al cane antidroga Luna

A Villa Literno, nel casertano, i carabinieri hanno arrestato un giovane pusher grazie all'intervento del cane antidroga Luna, che ha scoperto la presenza di...

Il Presidente del premio Charlot, “Dal Governo un abuso di potere sulla gestione dei fondi”

Il presidente del Premio Charlot, Claudio Tortora, ha espresso preoccupazione riguardo all'abuso di potere del Governo nella gestione dei Fondi sviluppo e coesione, ritenendo...

Concerto ‘Bach & Vivaldi’ alla Domus Ars: il 22 febbraio per la rassegna De Tasto et De Chorda

Concerto "Bach & Vivaldi" alla Domus Ars: 22 febbraio per la rassegna De Tasto et De Chorda La Rassegna di rarità musicali De Tasto...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE