Napoli blitz ai Colli Aminei e Quartieri Spagnoli

Napoli. 15 verbali per violazioni del Codice della Strada,...

Casavatore, rapina con i kalashnikov: indagini e arresti lampo. Encomi ai carabinieri

SULLO STESSO ARGOMENTO

Casavatore. Premiati con un encomio i Carabinieri che arrestarono i malviventi. Un encomio del comandante della legione carabinieri di Napoli il Generale Antonio Jannece, è stato assegnato a margine di celebrazioni a sette militari in servizio presso la Compagnia di Casoria e la stazione carabinieri di Casavatore.

PUBBLICITA

Si tratta ( nelle foto) del tenente Giorgio Renzetti, il luogotenente ed ex comandante della stazione di Casavatore Rosario Tardocchi, il maresciallo capo Giuseppe Tramontano, il maresciallo Alessandro Fiscetta, il brigadiere Giulio D’Angelo e Marco Puddu del Nucleo operativo di Casoria.

Un riconoscimento importante per ringraziare gli uomini dell’Arma che a seguito di una eclatante rapina messa a segno in un ristorante di Casavatore il 9 ottobre 2021, quando due uomini travisati, con guanti e armati di fucile sovrapposto ed un kalashnikov, irrompevano all’interno del ristorante “Un posto al Sole” di Casavatore, mentre un terzo complice li attendeva all’esterno dell’esercizio in sella a uno scooter T-Max.

I rapinatori, incuranti della presenza di minori tra i commensali, puntando le armi contro le vittime, tra cui un bambino di 3 anni, si impossessavano degli orologi di noti marchi e dei monili, sia di alcuni avventori che dello stesso proprietario dell’attività commerciale, per poi darsi successivamente alla fuga.

A seguito del grave evento delittuoso personale della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Casoria e della Stazione di Casavatore, coordinati dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, avevano avviato incessanti indagini tra le quali l’attento esame delle immagini catturate dal sistema di videosorveglianza installato presso l’esercizio commerciale, attività tecnica di intercettazione telefonica e telematica, riscontri sul territorio ed escussione di numerose persone informate sui fatti.

All’esito delle predette indagini, la Procura di Napoli Nord emise un decreto di fermo nei confronti di tre soggetti dediti alla commissione di rapine mediante l’uso di armi. Le immagini della rapina finirono presto sui social, raccogliendo un ampio risalto mediatico.

Giuseppe Bianco


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE