Pomigliano d’estate 2024: cultura, spettacoli e divertimento per tutti

Inizia oggi "Pomigliano d'Estate 2024", una serie di eventi...
IL VIDEO

La stesa a Chiaia a colpi di mitra: caccia al complice del ras Strazzullo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il quartiere Chiaia di Napoli è sotto la morsa dei clan che a colpi di mitra tentano di mettere le mani sul racket dei parcheggi abusivi minacciando gli addetti abusivi alla sosta per ottenere da essi il pizzo.

PUBBLICITA

L’ ultimo raid è avvenuto lo scorso 3 settembre alla Riviera di Chiaia: in quattro o cinque, in sella a moto di alta cilindrata, vanno su e giù, avanti e indietro ed hanno un mitra in bella mostra.

Grazie alla ricostruzione della Dda di Napoli, sono stati individuati quattro dei cinque dei presunti responsabili materiali di agguati e ronde criminali.

Quattro fermi, mentre è caccia al quinto complice, in manette quelli del gruppo Strazzullo, che – secondo gli inquirenti – rappresenta uno storico avamposto dell’Alleanza di Secondigliano (sponda Miano) tra i vicoli di Mergellina (noti come rione Torretta).

Sono diversi gli episodi presi in esame: ci sono 4 stese consumate a luglio, tra via Cucca e vico Santa Maria della Neve, rispettivamente storici presìdi del clan Frizziero e dei Cirella.

Proprio a luglio si spara ad altezza d’uomo contro porte e finestre il 4, l’otto, il 16 e il 26 luglio), ma nessuno denuncia. L’obiettivo è colpire e punire i parcheggiatori abusivi che – nell’ottica camorristica – si ostinano a non versare il pizzo nelle mani dei nuovi boss.

Sempre a luglio, in via Cucca un presunto parcheggiatore abusivo viene bloccato. Gli viene puntata una pistola alla tempia e gli intimano di lasciare il quartiere.

In via dei Fiorentini, invece, 3 uomini si scagliano contro un terzo per imporre il pizzo al parcheggiatore abusivo. Hanno mitra e pistole, le brandiscono, ottengono un primo risultato, “con l’espulsione di un intero nucleo familiare dal quartiere di Chiaia”. Poi gli spari contro le case dei boss. E infine le ronde.

“Una situazione che sta gettando nel terrore un intero quartiere e che potrebbe estendersi anche altrove. Prima che persone innocenti possano essere vittime di pallottole vaganti, prima che ci scappi il morto, Questore e Prefetto devono adottare ogni misura possibile per fermare questa guerra di camorra.

Lo Stato deve far vedere chi comanda e togliere ai clan ogni potere e strumento di sopraffazione e violenza. Indagini, arresti ma soprattutto certezza della pena. Questi episodi dimostrano anche quello che noi diciamo da tempo e cioè che l’attività abusiva della sosta frutta ogni anno decine di milioni di euro all’anno alla criminalità e che direttamente o indirettamente coinvolge i clan della camorra”, ha dichiarato il deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE