Droga e tradimenti dietro l’omicidio passionale di Aversa

SULLO STESSO ARGOMENTO

Aversa. Un uomo di 34 anni, Paolo Scarano, (caporale dell’esercito in servizio a Roma) è stato fermato dalla polizia con l’accusa di aver ucciso a coltellate un altro uomo, Paolo Menditto, di 55 anni.

I fatti principali

Il delitto è avvenuto nella casa della vittima, in un quartiere popolare di Aversa, in provincia di Caserta.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Scarano è stato spinto a commettere il gesto dalla gelosia per la sua compagna, che aveva rapporti occasionali con Menditto in cambio di dosi di droga.

    La scoperta del cadavere è avvenuta giovedì scorso, quando i vigili del fuoco sono stati chiamati a intervenire nell’abitazione della vittima, che non dava notizie di sé da due giorni. I vigili hanno trovato l’uomo riverso sul pavimento del soggiorno, privo di vita, con numerose ferite su tutto il corpo.

    Le indagini hanno portato alla individuazione di Scarano, che è stato rintracciato alla stazione ferroviaria di Aversa mentre stava per partire per l’estero. L’uomo ha confessato il delitto, sostenendo di aver agito in preda alla rabbia. Scarano è stato portato in carcere, dove si trova in attesa di giudizio.

    I dettagli del delitto

    Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Scarano e la sua compagna si erano conosciuti in un centro di recupero per tossicodipendenti. I due avevano iniziato una relazione, ma Scarano era geloso dei rapporti occasionali che la sua compagna aveva con Menditto.

    Giovedì scorso, Scarano ha deciso di affrontare Menditto e di chiedergli di smetterla di frequentare la sua compagna. I due uomini si sono incontrati nell’abitazione della vittima, dove è iniziata una discussione che è degenerata in una lite. Scarano ha preso un coltello e ha colpito Menditto ripetutamente, causandone la morte.

    Il movente

    Il movente del delitto è stato la gelosia. Scarano non sopportava che la sua compagna avesse rapporti con un altro uomo, anche se in cambio di droga. La rabbia per questa situazione lo ha portato a commettere un gesto terribile.

    Scarano è stato portato in carcere, dove si trova in attesa di giudizio. L’uomo è accusato di omicidio aggravato da futili motivi e da premeditazione. Se condannato, rischia l’ergastolo.


    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    ‘Le Baccanti- fare schifo con gloria’, Giulio Santolini al Teatro Area Nord

    Sabato 25 maggio ore 19.00. Sarà Giulio Santolini, sabato 25...
    DALLA HOME

    ‘Le Baccanti- fare schifo con gloria’, Giulio Santolini al Teatro Area Nord

    Sabato 25 maggio ore 19.00. Sarà Giulio Santolini, sabato 25 maggio ore 19.00, con “Le Baccanti- fare schifo con gloria - numero zero”, a chiudere la stagione #confiniaperti2024 del Teatro Area Nord. “Cos’è il Dionisiaco oggi?” “Cosa vuol dire perdere il controllo?”. Queste le domande intorno alle quali Giulio Santolini, che...

    Arrestato Marco Di Nunzio: autore del falso testamento di Berlusconi

    Arrestato Marco Di Nunzio: l'imprenditore torinese al centro della vicenda del "falso testamento colombiano" di Silvio Berlusconi, è stato arrestato in Colombia. Lo rende noto la Procura di Milano, che ha concluso le indagini preliminari a suo carico. Di Nunzio, 56 anni, è accusato di aver redatto "tre diversi falsi...

    CRONACA NAPOLI

    TI POTREBBE INTERESSARE