Musicista ucciso, Manfredi: “Dal web modelli negativi”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“E’ in atto un fenomeno sociale perché l’uso delle armi fra ragazzi giovanissimi, minorenni, che spesso non hanno nemmeno la consapevolezza delle azioni che commettono e della loro gravità, è qualcosa che sta attraversando le nostre comunità e città e probabilmente questa trasformazione sociale e questa violenza sono legate anche a modelli negativi che vengono dal web. Bisogna rispondere da un lato con maggiore impegno per quanto riguarda gli aspetti educativi e sociali ma anche con norme più adatte a reprimere questi fenomeni”.

Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, parlando a radio Kiss Kiss. Manfredi, facendo riferimento alla morte del giovane musicista Giovanbattista Cutolo, ha evidenziato come il ragazzino individuato come il responsabile avesse già dei precedenti per cui era stato affidato ai genitori e alla famiglia “che ha grandi problemi con la giustizia”.

“Serve – ha detto il sindaco – una riflessione molto attenta, partendo anche da esperienze fatte in altre parti d’Italia, perchè il contesto familiare in questi casi può essere tossico e dunque c’è la necessità di interventi più incisivi per evitare che si ripetano comportamenti che portano a eventi così tragici. Questa morte non può essere inutile. Solo attraverso la coesione e un impegno civico e morale complessivo potremo avere risultati forti e duraturi”.



    Lo ha detto il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ai microfoni di radio Kiss Kiss, in vista dei funerali di Giovabattista Cutolo, il giovane musicista ucciso le cui esequie sono state fissate per mercoledì 6 settembre. Manfredi ha sottolineato che “in città la parte sana è prevalente, ma si deve far sentire di più: dobbiamo essere più uniti, più coesi, ci vuole ancora un impegno maggiore perchè i fatti dimostrano che quando le comunità si muovono, come è accaduto alla Sanità, le risposte ci sono e la parte malata è confinata in un angolo”.

    Il primo cittadino ha ribadito che la morte di Giovanbattista è stato “un evento terribile e un grande dolore non solo per l’evento in sé perché è stata persa la vita di un ragazzo impegnato e inserito nella parte positiva della nostra città, ma anche perché è stata persa una vita per un banale litigio, con una violenza gratuita e assolutamente immotivata. E’ stato un evento che ha colpito le coscienze di tanti, della città. E’ stato un fatto che ha ferito Napoli, tutti i napoletani e non solo loro”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

    I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

    Caivano, casa trasformata in piazza di spaccio: arrestate due donne

    Valentina Cirico e Filomena Ambrosio, rispettivamente di 33 e 35 anni, avevano trasformato la casa in una vera e propria piazza di spaccio in cui ricevevano i clienti. I carabinieri stavano monitorando il continuo via vai di persone da quell'abitazione di Caivano e quando hanno capito che potevano trovare la droga sono intervenuti. Durante la perquisizione, infatti i Carabinieri hanno sequestrato 90 dosi di cocaina, 108 grammi della stessa sostanza da suddividere, 6 bustine di marijuana...

    Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

    Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE