Il 13 settembre il Csm sceglierà il nuovo procuratore di Napoli: tre i candidati

SULLO STESSO ARGOMENTO

La nomina del procuratore di Napoli torna nell’agenda del Consiglio superiore della magistratura.

Il 13 settembre il plenum si riunira’ per scegliere il successore di Giovanni Melillo, promosso da un anno alla guida della Direzione nazionale antimafia.

Tre i candidati indicati dalla V Commissione (per gli incarichi direttivi): Nicola Gratteri, attuale procuratore di Catanzaro; Rosa Volpe, magistrato inquirente a Napoli che sino a pochi mesi fa ha retto, come facente funzioni, la procura di Napoli; Giuseppe Amato, procuratore di Bologna.

    In Commissione Gratteri ha ottenuto quattro voti, mentre gli altri due candidati hanno ottenuto un voto ciascuno. Sono in tasnti quelli che auspicano l’arrivo di Gratteri alla guida della Procura di Napoli.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

    Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE