LE DICHIARAZIONI

Caivano, procuratrice dei minori: “Ora luci sono accese, ma poi si spengono”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sul Parco verde di Caivano “i riflettori sono accesi ma poi si spengono”. Lo ha detto Maria de Luzenberger, procuratrice minorile di Napoli, a Caivano in occasione dell’inaugurazione dell’anno scolastico. “Nel periodo di Fortuna, un anno prima c’è stato Antonio, morto cadendo praticamente dalla stessa finestra di Fortuna”, ha affermato ricordando come anche in quella occasione “la luce è stata accesa ma poi si è spenta”.

“Si parla tanto di violenza contro le donne in famiglia, molto poco però della violenza assistita – ha aggiunto la procuratrice – il problema della violenza sui minori è un problema che non si riesce a far passare e parlo della violenza assistita, dei danni che provoca sui bambini”.

“I nostri autori di reato sono, il più delle volte, ragazzi che hanno un passato di violenza in famiglia – ha concluso – Bisogna accendere una luce sul mondo dell’infanzia e sulle violenze, sono successe tante cose in questo territorio che hanno visto vittime bambini. Per questo ci vuole veramente più sostegno e più sentinelle”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

Napoli, chiede scusa in aula e vuole risarcire il motociclista che investì e uccise Elvira Zibra sul Lungomare

Processo al motociclista napoletano Gianluca Sivo accusato di omicidio colposo per la morte di Elvira Zibra, investita mentre era in sella alla sua moto...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE