Napoli, tensioni e proteste contro lo stop al Reddito

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sale la protesta per lo stop al . A , la città più coinvolta, sfilano in centinaia in corteo e non mancano momenti di tensione con le forze dell'ordine e disagi per il traffico.

anche davanti alla sede Inps di Cosenza, altra città dove alto è il numero di quanti devono dire addio alla misura. Proprio venerdì scorso, 25 agosto, sono arrivate dall'Inps le altre comunicazioni di fine del Rdc: sul totale di 33.765 famiglie interessate in questo secondo invio per aver raggiunto il limite delle sette mensilità nel 2023, oltre 5mila (5.275) sono nel capoluogo partenopeo (dopo le 21.063 di fine luglio).

Mille a Cosenza. A livello regionale, in testa si piazzano, per numero di nuclei coinvolti, Sicilia e Campania, seguite da Calabria, Lazio e Puglia. A fine luglio lo stop ha riguardato oltre 154mila nuclei in tutta Italia; altri 40.800 messaggi sono attesi tra settembre e dicembre, come emerso dai dati dell'Istituto, per un totale di 229mila famiglie.

    Si tratta di famiglie che non hanno tra loro componenti minori, disabili o over-60 e non prese in carico dai servizi sociali. Dal primo settembre queste famiglie potranno presentare la domanda per il Supporto per la formazione e il lavoro (Sfl) e, se hanno i requisiti, essere avviati ad un percorso di professionalizzazione e di inserimento lavorativo durante il quale, per 12 mesi, potranno ricevere un contributo di 350 euro mensili.

    Sempre dal primo settembre debutterà la nuova piattaforma per il lavoro: è il Sistema informativo per l'inclusione sociale e lavorativa (Siisl), che punta a far incontrare domanda e offerta.

    Dal primo gennaio 2024 arriverà l'Assegno di inclusione (Adi) destinato ai nuclei in cui siano presenti un minore, o un disabile o un over-60 o un componente inserito in programmi di cura e assistenza dei servizi socio-sanitari.

    A Napoli durante il corteo in difesa del Reddito di cittadinanza, promosso da varie sigle, alcuni manifestanti hanno forzato il cordone di polizia, riuscendo poi a scavalcare il muretto che porta alla rampa di accesso alle autostrade, con ripercussioni sul traffico automobilistico.

    Dopo aver occupato la rampa per circa mezz'ora, i manifestanti hanno ripreso il corteo e la situazione è tornata tranquilla. Decine di persone hanno invece manifestato davanti alla sede dell'Inps a Cosenza. Nel corso dell'iniziativa una donna ha mangiato i croccantini dei gatti, perché “non avrò più la possibilità di fare la spesa, non voglio lavorare più in nero e fin tanto che qualcuno non troverà una soluzione questa è la situazione.

    Non voglio essere mantenuta dallo Stato, voglio solo un lavoro”, ha raccontato. “Sfatiamo il mito che siamo dei fannulloni – ha detto Luigi Guglielmelli, anche lui ex percettore del Reddito -, sono laureato, ho due master, parlo tre lingue ma non riesco a trovare lavoro perché ho 56 anni.

    Ho inviato centinaia e centinaia di curriculum e sei aziende mi hanno risposto che sono troppo grande. Allora chiedo al governo e al presidente della regione Calabria cosa intende fare per i suoi concittadini che sono nella mia stessa situazione”.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO