Napoli, “stasera è la volta buona che ti uccido…”, lei denuncia il compagno e lo fa arrestare

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una vita ‘infernale’, per usare le parole del gip, quella cui è stata costretta una giovane donna napoletana, che dopo aver simulato più volte cadute accidentali, per nascondere ai medici l’origine delle lesioni che il suo compagno le provocava, picchiandola selvaggiamente anche quando era incinta del loro bambino, ha finalmente trovato il coraggio di denunciare.

E l’uomo – come si legge sul Corriere del Mezzogiorno – è stato arrestato dai Carabinieri. Ora è ai domiciliari, naturalmente in un’abitazione diversa da quella dell’ex compagna. E’ l’ennesima storia di violenza che matura in un ambito, scrive il giudice nell’ordinanza, “assolutamente malato, con un comportamento dell’indagato venato di crudeltà e totale dispregio della persona umana che gli viveva a fianco”.

Un uomo che ha agito con “inaudita violenza” e in “assenza di ogni segno di resipiscenza”, “incurante delle ripercussioni penali … evidentemente perché confidente della situazione di soggezione in cui la sua vittima viveva da tempo”.

I fatti risalgono alla primavera del 2021, quando l’uomo ha cominciato a maltrattare la compagna, ingiuriandola con frasi irripetibili, costringendola a dormire in bagno, minacciandola di morte anche quando era incinta (“ti accoltello alla pancia .. stasera è la volta buona che ti uccido..”), temendo forse che la donna volesse troncare il rapporto (“…per me è meglio a murì, o siamo tutti insieme o moriamo tutti”).

Nel luglio del 2021, durante la gravidanza, l’ha aggredita con calci e schiaffi, l’ha trascinata per i capelli lungo il ballatoio rompendole il polso. “Le reiterate aggressioni – scrive il giudice – la inducevano ad operare le registrazioni degli episodi in suo danno”, ma le vessazioni – anche in presenza della figlia minore – sono proseguite.

Fino a quando la donna ha deciso di andare dai carabinieri e denunciare tutti gli episodi di cui era stata vittima, consegnando “filmati e chat”, e potendo fare affidamento sul sostegno di amiche e familiari che hanno confermato le accuse, una per una.

A rafforzare il quadro indiziario, annota il gip, “la stessa causale dei referti medici (le cadute accidentali)” che “costituisce, paradossalmente, il riscontro più probante del clima di terrore nella quale la persona offesa è stata costretta a vivere”. 

Leggi anche




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui



LEGGI ANCHE

NOI Nuova Orchestra Italiana torna in scena al Teatro Troisi

NOI - Nuova Orchestra Italiana torna in scena con lo spettacolo “Napoli, tre punti e a capo” al Teatro Troisi il 9 e 10 marzo. Per il ritorno in città, l’ensemble fondato oltre 30 anni fa da Renzo Arbore, ha scelto il Teatro Troisi dove si esibirà sabato 9 marzo (ore 21.00) e domenica 10 marzo (ore 18.00 e ore 21.30), per tre repliche. Anche in questa occasione ci sarà la partecipazione straordinaria di uno...

Stasera in Tv: la programmazione di questa sera 4 Marzo 2024.

Ecco il riepilogo della programmazione di questa sera , 4 Marzo 2024, da guardare sui principali canali italiani: Rai 1: alle 21:30 "Le indagini di Lolita Lobosco Stagione 3" Rai 2: alle 21:20 "Un boss in incognito 2024" Rai 3: alle 21:20 "Presa diretta - Il salario delel donne " Rete 4: alle 21:20 "Quarta Repubblica" Canale 5: alle 21:20 "Grande Fratello" Italia 1: alle 21:20 "Fast & Furius 8" La 7: alle 21:15 "La Torre di Babele- Cosa resta di...

Mauro polemico sul rigore assegnato al Napoli: “Con VAR ogni contatto è fallo, rispetto per il gioco”

Massimo Mauro, ex giocatore di Napoli e Juventus, è intervenuto ai microfoni di 'Radio Anch'Io Sport' su Radio 1 Rai ed ha analizzato il calcio di rigore assegnato ieri sera agli azzurri per fallo di Nonge su Osimhen: "È indubbio che il VAR sia spesso determinante in molte situazioni. Tuttavia, è fondamentale utilizzarlo con saggezza e rispetto nei confronti del gioco. Ho sempre avuto dubbi su questo aggeggio, che chiamo così in tono scherzoso". "Credo...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE