In Campania 93 ragazzi detenuti, di cui 35 accusati di omicidio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Negli Ipm, gli Istituti penali per minorenni della Campania, al 31 luglio sono presenti 93 detenuti: 59 a Nisida (43 italiani e 16 stranieri) e 34 ad Airola (23 italiani e 11 stranieri). Dei 93, 49 hanno tra i 14 e i 18 anni (29 italiani e 20 stranieri) 40 sono giovani adulti ed hanno tra i 18 e i 20 anni (33 italiani e 7 stranieri) e 4 detenuti italiani hanno un’età compresa tra i 22 e i 25 anni.

Il “dato più allarmante” relativo a questi 93 detenuti, dice il garante campano Samuele Ciambriello, “riguarda i 35 accusati di omicidio volontario, di cui 31 per tentato omicidio e 4 per omicidio consumato”. Altri 35 sono poi accusati di reati contro il patrimonio: 25 per rapina e 20 per furto.

Secondo Ciambriello, che cita anche i 119 giovani in misura alternativa al carcere ospiti delle comunità per minori della Campania (sono 902 in tutta Italia), “da tempo assistiamo a fatti di cronaca sempre più violenti e immotivati compiuti da baby gang, composte ragazzi la cui età va progressivamente diminuendo fino a coinvolgere bambini in età scolare. Giovanissimi, aggressivi e violenti, che ‘giocano a fare i grandi’ a spese degli altri.



    Aggredendo e ferendo gravemente i loro coetanei senza un motivo, per il mero gusto di farlo”. “Sono giovani – aggiunge il garante campano – che si uniscono per fare il male, per provare emozioni. In una subcultura, a Napoli usano armi per difendersi e la cattiveria per offendere. Vivono insomma d’istinti e d’istante, vogliono tutto e subito e non avvertono la gravità e la responsabilità di quello che hanno fatto, hanno vuoti relazionali, valoriali ed affettivi.

    Il comune denominatore per migliaia di questi adolescenti che passano dal disagio alla devianza e dalla devianza alla microcriminalità è la non cultura, la dispersione scolastica. Occorre invertire la rotta, farlo subito altrimenti dopo è tardi”, conclude Ciambriello.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE