Benevento violenza sessuale in ospedale: arrestati medico e vice procuratore onorario

Benevento. Un vice procuratore onorario, in servizio alla Procura...
IL CASO

Perquisizioni nella sede della Sampdoria, nel mirino anche affari con la Juve: le trattative coinvolte

SULLO STESSO ARGOMENTO

I giocatori coinvolti nell’inchiesta “Hermes”, che ha visto questa mattina i militari della Guardia di Finanza perquisire la sede della Sampdoria a Corte Lambruschini a Genova sono 7: Audero, Mulè, Peeters, Francofonte, Gerbi, Vrioni e Stoppa. Spicca l’attuale portiere blucerchiato Emil Audero. Che la Sampdoria accolse in prestito nell’estate del 2018 dalla Juventus e dopo appena sei mesi nel mercato invernale del gennaio 2019 lo acquistò a titolo definitivo per 20 milioni.

PUBBLICITA

L’operazione coinvolse il giovane Daouda Peeters che fece il percorso inverso passando ai bianconeri per 4 milioni: ora è in prestito al Sudtirol (Serie B). Erasmo Mulè, attualmente in prestito all’Avellino (Serie C) dalla Juventus, fu ceduto dalla Sampdoria ai bianconeri nell’agosto del 2019 per 3,5 milioni anche se il valore stimato da Transfermakt, considerato il sito di riferimento per il calciomercato come attendibilità, era di 125mila euro.

Erik Gerbi fu acquistato dalla Sampdoria nel mercato estivo del 2020, i blucerchiati pagarono alla Juventus 1,3 milioni a fronte di una valutazione di 100mila euro: ora è in prestito al Lumezzane (Serie C). Nicolò Francofonte, giocatore del Gubbio (Serie C), passò nell’estate del 2020 dalla Juventus alla Sampdoria, dove giocava in prestito da gennaio dello stesso anno, per 1,7 milioni ma la valutazione di Transfermarkt era di 100mila euro.

Matteo Stoppa, al momento agli ordini di Pirlo nella rosa blucerchiata, fu acquistato a titolo definitivo dalla Juventus nell’estate del 2020 per 1 milione contro una valutazione di 450mila euro. L’ultimo nome è quello di Giacomo Vrioni, giocatore dei New England Revolution, che la Sampdoria cedette alla Juventus nel gennaio del 2020 per 4,1 milioni a fronte di una valutazione all’epoca di 500mila euro.

Tutte operazioni avvenute con la vecchia gestione societaria. Per effetto delle quali, secondo gli investigatori che stanno operando sul caso, i bilanci di quegli anni della Sampdoria hanno permesso una minor perdita e un maggior valore patrimoniale rispetto a quello reale.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui



I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE