Nola, incendiarono l’auto dell’assessore: arrestati in due

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nola. Nel pomeriggio odierno, la Polizia di Stato, nello specifico, personale del Commissariato di Nola con la collaborazione della Squadra Mobile di Napoli, ha eseguito l’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari, nei confronti di  Giuseppe Venuso di 50 anni,  Giuseppe Esposito di 71 anni.

I destinatari del provvedimento cautelare sono gravemente indiziati di essere, in concorso morale e materiale tra loro, gli autori di un incendio doloso avvenuto la notte del 10 maggio scorso in una corte condominiale ubicata in Nola, luogo di residenza di un assessore in carica al comune di Nola.

Il gesto è stato posto in essere cospargendo di liquido infiammabile un’autovettura  e un motociclo Piaggio Scarabeo,  con l’ulteriore danneggiamento dei contatori Enel, delle tubazioni di adduzione dell’acqua, dell’impianto elettrico, dei contatori del gas città e delle tubazioni di acque nere.

    Nello specifico, Giuseppe Venuso aveva chiesto a Giuseppe Esposito, dietro pagamento di un compenso pari a 10 euro, di appiccare il fuoco ai veicoli sopra indicati, fornendo allo stesso il liquido infiammabile utilizzato da quest’ultimo per cagionare l’incendio.

    Le indagini del Commissariato di Nola, coordinate dalla dott.ssa Sarah Caiazzo Sostituto Procuratore presso la Procura di  Nola, sono state poste in essere con tecniche di indagine “classiche”, attraverso la visione di tutti i sistemi di video sorveglianza presenti nella zona del reato, e con la conoscenza approfondita del territorio che ha permesso la completa e puntuale ricostruzione dell’evento delittuoso.

     

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE