Napoli, inseguimento tra Ps e rapinatori: sesto arresto

SULLO STESSO ARGOMENTO

Passa a sei il numero delle persone arrestate dopo l’inseguimento tra Polizia di Stato e malviventi avvenuto ieri a Orta di Atella, in provincia di Caserta.

La Squadra Mobile di Napoli, coordinata dal primo dirigente Alfredo Fabbrocini, ha rintracciato e arrestato un complice degli altri cinque già presi ieri trovato in possesso di berretti e tesserini della Guardia di Finanza.

L’uomo è stato rintracciato e arrestato dagli agenti a Sant’Antimo, in provincia di Napoli. Altri quattro sono stati arrestati ieri al termine dopo che una delle due vetture a bordo dei quali viaggiavano i banditi è andata a sbattere contro un muro dopo che gli agenti avevano sparato alle ruote.

    Alcuni presunti rapinatori e un agente sono rimasti contusi e uno dei malviventi aveva addosso una divisa da carabiniere. Il quinto arresto è sopraggiunto a Casandrino dove un fuggitivo aveva trovato riparo a casa di un familiare.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    20 vittime della strada nell’ultimo fine settimana in Italia

    Il fine settimana che va dal 16 al 18 febbraio ha registrato 20 vittime sulle strade italiane a causa di incidenti, un numero identico...

    Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

    È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

    Vandali lanciano sasso contro autobus a Bacoli, nessun ferito

    Un recente episodio di vandalismo ha colpito nuovamente i mezzi di trasporto pubblico nella serata di ieri, nel Comune di Bacoli, situato nella provincia...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE