Napoli, controlli della Polizia a Secondigliano: 94 identificati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella giornata di ieri, gli agenti del Commissariato Secondigliano, i carabinieri della Stazione di Secondigliano, il Gruppo Motociclisti dell’Arma dei Carabinieri, con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine Campania ed il supporto di personale della Polizia Locale- U.O. Secondigliano, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio a Secondigliano.

Nel corso dell’attività sono state identificate 94 persone, di cui 38 con precedenti di polizia, controllati 67 veicoli, di cui 7 sottoposti a sequestro amministrativo e 7 sottoposti a fermo amministrativo; sono state, altresì, contestate 23 violazioni del Codice della Strada per mancata copertura assicurativa, guida senza casco protettivo, mancanza della revisione periodica circolazione di veicolo già sottoposto a sequestro, mancata esibizione dei documenti di circolazione, guida con patente ritirata e guida senza patente poiché mai conseguita.

Infine, sono state ritirate 5 carte di circolazione



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli-Barcellona, corse extra metropolitana dopo la partita

Dopo la partita di calcio Napoli-Barcellona, sono previste corse straordinarie della Linea 2 della metropolitana. Il match di andata degli ottavi di finale di Champions...

Maxi-risarcimento da 190mila euro ad un lavoratore esposto all’amianto

L’avvocato Domenico Carotenuto: «La Giustizia italiana si è dimostrata attenta e imparziale nella gestione di questa vicenda»

Follia in Circumvesuviana: una vasca da bagno sui binari a Scafati

Un atto di inaudita follia ha rischiato di provocare un disastro sulla Circumvesuviana. Una vasca da bagno è stata infatti posizionata al centro dei binari...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE