Caserta, fabbrica armi clandestine in casa: arrestato 

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un uomo di Limatola, nel Sannio, e’ stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Santa Maria a Vico per fabbricazione e detenzione di armi da sparo clandestine e munizioni.

L’indagine, coordinata dalla Procura di Benevento, e’ iniziata nel maggio 2022, dopo una perquisizione nell’abitazione dell’uomo, gia’ sottoposto ai domiciliari con permesso di uscita in alcune ore della giornata per un arresto in flagranza sempre per reati in materia di armi.

I militari dell’Arma trovarono allora un vano adibito a laboratorio per la produzione artigianale di armi da sparo, diversi strumenti per la lavorazione del metallo, alcune pistole a salve, canne e tamburi per revolver e oltre cento munizioni di diverso calibro.

    Anche questa volta, notificandogli il provvedimento, i carabinieri hanno trovato nella disponibilita’ dell’indagato ulteriori armi e munizioni, tra cui altre due pistole con modifiche artigianali.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Angri, ladri al ristorante con ragazzi autistici, Gemma: “Atto vile verso i più deboli”

    "Un attacco vile ha colpito il ristorante solidale Raù di Angri, in provincia di Salerno. Sono vicina ai fondatori del laboratorio che si occupa...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE