Napoli, confessione choc della donna che ha ucciso la madre del salumiere tiktoker

Stefania Russolillo, accusata dell'omicidio della 72enne Rosa Gigante, madre...

Al Campania Teatro Festival i battiti per la bellezza risuonano in Osservatorio Scuole

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Battiti per la Bellezza del Campania Teatro Festival diretto da Ruggero Cappuccio risuonano oggi interamente nella Sezione Osservatorio Scuole, a cura della regista Nadia Baldi, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania e la Regione Campania nell’ambito del progetto “ORIENTAlife-La scuola orienta per la vita”.

PUBBLICITA

La giornata, allo scopo di polarizzare tutta l’attenzione mediatica su un’iniziativa che affida al teatro un ruolo di formazione delle giovani generazioni, è infatti dedicata esclusivamente agli alunni di tre istituti campani e dei registi che li hanno accompagnati nel percorso artistico. Sono loro i protagonisti dei tre spettacoli, il cui incasso sarà devoluto in beneficenza, che andranno in scena a partire dalle 19 al Teatro Trianon Viviani di Napoli.

“Potenti primavere” è la proposta degli studenti dell’Istituto Alfonso Casanova di Napoli, per la regia di Adriana Follieri. Per toccare con mano ciò che il teatro attiva e fa vibrare, in “un viaggio di conoscenza delle emozioni, un gioco delle emozioni come conoscenza; scoperta, oltre schermi e schermaglie di nascondimento di certe rivelazioni che, si sa, soltanto all’ombra e di notte è possibile pronunciare”, come scrive la stessa Follieri.

“Il violoncello di Pasquale Termini – continua la regista – dà voce ai pensieri più reconditi, nel ritmo vorticoso che porta fuori i mondi di dentro, dell’immaginario finalmente rovesciato, svelato come campo di battaglia aperta, come campo arato e baciato dal sole. Noi siamo lì per veder fiorire la tanto desiderata primavera e per abitarla, poeticamente, come una pianta, come un vento, come una persona”. Nell’incontro con “i ragazzi che abitano questa Napoli multiculturale e vivissima, soltanto tre le ragazze in equilibrio nel mezzo, principesse e guerriere orientali” di una “affascinante e splendente compagine”.

Una dimora creativa dove poter apprendere, sbagliare, conoscersi e crescere attraverso lo studio dell’arte teatrale è stata invece il punto di partenza di “Che tragedia stare insieme!”, lo spettacolo messo in scena dal Liceo Pietro Calamandrei di Napoli.

“Il percorso – spiega il regista Raffaele Parisi – si è articolato in due fasi creative: la prima, nella quale i partecipanti hanno assunto consapevolezza delle potenzialità del proprio corpo e di come esso possa essere strumento espressivo, stabilendo un rapporto di fiducia con i compagni di viaggio. La seconda, dove è stato affrontato il momento della composizione, filtro e canale alle loro stesse emozioni, dei sentimenti e di alcune tematiche vicine agli adolescenti. Un’approfondita ricerca, basata su esercizi di improvvisazione e di composizione, ha poi condotto verso la forma finale di scrittura scenica, mantenendone l’aspetto ludico. È nata così una festa. Una festa raccontata con la drammaturgia di una tragedia, animata dai pensieri, dai sogni, dalle insicurezze, dalle passioni, dagli scontri di una generazione che si chiede in “coro” qual è il suo posto in questo mondo”.

L’ascolto è anche alla base del lavoro scenico del regista Stefano Scognamiglio con i ragazzi dell’Istituto Omnicomprensivo Francesco De Sanctis di Cervinara (Av). “In un contesto spazio- temporale non ben definito – racconta Scognamiglio – si svolge il popolarissimo “NSFPN Festival”, l’attesissimo appuntamento, giunto alla XXIII edizione, che calamita “video-consumatori” di ogni età e di ogni luogo, riunisce le famiglie, coinvolgendo grazie alla sua semplice e sempre più diffusa chiave di volta: la mediocrità.

C’è posto per tutti, chiunque può partecipare: cantanti, opinionisti, attori, poeti, a patto di non avere reali qualità, a patto di essere rozzamente confortanti per il pubblico che non si sentirà sminuito da alcun talento, ma anzi crederà fermamente di poter accedere alle luci della ribalta e probabilmente ci riuscirà nell’edizione successiva, passando dal divano di casa propria al feed del proprio social network preferito, magari in qualità di top influencer. Senza merito, senza capire esattamente come, senza fare praticamente niente, gli ospiti del Festival hanno fama, successo e denaro.

Un’impietosa satira della paurosa involuzione culturale dei nostri giorni interpretata da un gruppo di sedicenni che, attraverso l’esperienza teatrale, leggono e criticano il proprio tempo con ironia e sagacia”.

Sul sito campaniateatrofestival.it sono consultabili le promozioni ed è possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli.

Il Campania Teatro Festival, parte rilevante della rete Italia Festival e dell’EFA (European Festival Association), è finanziato dalla Regione Campania e si avvale anche di un contributo annuo del Ministero della Cultura per il suo schema multidisciplinare.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE