Angri, due sospettati per l’omicidio di Mario Carotenuto

Angri. Ci sono due i sospettati per l'omicidio di...

A Materdei la proiezione de L’Ardore dei Timidi, il film del regista napoletano Vladimir Marino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Lettura veloce

Martedì 27 giugno a Napoli l’attesa proiezione pubblica de L’Ardore dei Timidi il nuovo film del regista Antonio Vladimir Marino.

PUBBLICITA

“Stavo leggendo un piccolo trafiletto di giornale. A Torino un barbone si lanciava nel fiume per salvare una ragazza sotto lo sguardo dei presenti. Fui molto colpito dalla potenza delle emozioni che poche righe riportavano: dalla volontà di morte alla volontà di salvezza. Il resto è osservazione di scene di vita in strada e nei mezzi pubblici.”

Dopo le proiezioni che hanno toccato Roma, Benevento, Torre del Greco continua l’avventura del lungometraggio che ha ricevuto la la qualifica di film D’Essai: “un affresco che guarda ai timidi, che di solito non sono sotto i riflettori e non fanno notizia – afferma il regista – ma quando vengono colti dai loro ardori seminano dei germogli di vitalità e ci fanno ritrovare la rotta perduta in questo mondo dove spesso ahimè contano solo la forma e l’apparenza e i contenuti hanno scarso peso”.

“Il film L’Ardore dei Timidi dopo il suo viaggio asimmetrico e indipendente approda a Napoli – dichiara il regista – durante il viaggio che ha toccato sale cinematografiche, scuole, feste padronali, biblioteche, associazioni culturali e festival il pubblico a fine proiezione si è trattenuto per esprimere le sue sensazioni e questo momento è stato interessante, gratificante e ricco di spunti.

Un’umanità eterogenea e di età diverse ha fatto domande e raccontato cosa ha trovato nel film, i pareri erano diversi a volte agli antipodi, ma ne sono usciti spunti che hanno sorpreso, stimolato e confermato che gli ardori dei “timidi” oggi sono necessari nel nostro mondo anestetizzato. La sala, il contatto con il pubblico rimane la priorità, e con la pagina facebook volutamente e provocatoriamente intitolata L’Ardore dei Timidi, un film lento e noioso…, sono nate alcune proiezioni per il passaparola e la curiosità. Sarà possibile vedere il film on line sulla piattaforma Indie Cinema.

Cinque storie, cinque piccoli universi: Mario, la ragazza, il barbone, la luce, il mare, la collina, Sergio il giornalista, le solitudini di Eugenia, Cristiana e Alessandra, una famiglia che si confronta con la terra, il lavoro e la propria storia. Lelio e Sandra che si scontrano sulla visione di un futuro rivoluzionario. Ambientato nel Sannio, a San Marco dei Cavoti, a Torre del Greco e Napoli L’Ardore dei Timidi possiede uno sguardo lungo, slanciato su un orizzonte – di cui è affrescato il film – che scavalca l’ego: “la timidezza come modestia, consapevolezza dei propri limiti e capacità di ascolto degli altri, in particolare dei più fragili – continua Marino – e dei più esposti, ma la timidezza è anche una forza silenziosa e incisiva. Mi auguro che questo piccolo film trovi un suo pubblico e che dopo la visione possa lasciare qualcosa allo spettatore, dubbi, sensazioni, voglia di modificare un po’ la realtà che ci circonda.”

Dopo una fortunata carriera dedicata al cortometraggio L’Ardore dei Timidi è il primo lungometraggio di Antonio Vladimir Marino, un cast importante con maestri e visioni ben precisi: “apprezzo molto il finlandese Aki Kaurismäki con la sua filmografia tutta ambientata tra gli strati sociali meno fortunati senza mai cedere al pietismo e il marsigliese RobertGuédiguian, che nei suoi film racconta con maestria il disagio del nostro mondo occidentale. I primi film visti sono quelli di Dino Risi, Monicelli Mario, Luigi Comencini e dà lì il cerchio si è allargato. Amo il cinema russo, in particolare i film di Georgiy Daneliya e Eldar Riazanov”. Il regista sta inoltre lavorando ad un nuovo film dal titolo Mbake’Ala’, ambientato a Napoli e nel Cilento, la storia di un incontro tra un avvocato penalista e un musicista senegalese migrante.

L’Ardore dei Timidi ha partecipato e ottenuto riconoscimenti a prestigiosi festival: Ischia Film Festival, Inventa un film, Corto e a Capo, Tiburon International Film Festival (San Francisco) è stato realizzato in collaborazione con la Regione Campania, Campania FilmCommission, Direzione Generale del Cinema MIC, Nuovo IMAIE e l’Associazione Culturale Massimo Gorki – Napoli le musiche originali sono di Giuseppe Sasso (A.C.M.F.), tanti giovani della scuola di cinema Pigrecoemme nel cast tecnico.


CLICCA QUI PER VEDERE ALTRI VIDEO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE