Rivolta in carcere, il garante Ciambriello: “Intervenire è mio dovere”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Nessuna mia fantasiosa realtà sulla condizione delle carceri in Campania, né tantomeno la mia autocelebrazione sui giornali: intervenire in momenti di disordini negli istituti di pena rientra nei miei compiti e, soprattutto, nei miei doveri di Garante”. Lo sottolinea, in una nota, il Garante campano delle persone private della libertà personale, Samuele Ciambriello.

“Per questo, ieri, – fa sapere – non appena sono stato messo al corrente del fatto che, nel carcere di Bellizzi Irpino, alcuni detenuti stavano inscenando una protesta, sono corso per tentare una mediazione, anche su sollecitazione del Provveditore regionale dell’Amministrazione penitenziaria della Campania, che – in questa sede – ringrazio per l’atto di stima.

Il mio recarmi in carcere è stato dettato da un imperativo categorico che mi viene imposto dalla mia coscienza e non è la prima volta che mi comporto in tal senso in situazioni di questo tipo. Il fine ultimo di arrivare tempestivamente per interloquire con i detenuti, che riconoscono in me una figura di garanzia, non è certamente finire sui giornali per esaltare la mia funzione.

    Sono stato accusato di vivere il carcere dalla poltrona del mio ufficio nel Centro direzionale, ma chi mi muove queste critiche è comodamente, invece, seduto sulla sua di poltrona, a Roma. Ieri, tra l’altro, in quegli attimi di agitazione, i primi ad intervenire sono stati la direttrice dell’Istituto di pena di Bellizzi Irpino, il procuratore capo di Avellino e il magistrato di sorveglianza dello stesso Ufficio, che, nella fase iniziale, hanno fatto un lavoro eccellente”.

    “È stato un intervento collettivo, – spiega Ciambriello – quindi nessun mio primeggiare. Piuttosto, voglio ricordare a chi, stamani, mi ha dipinto a tratti foschi, che non sono stato il solo a sostenere che non eravamo davanti ad una sommossa, perché anche il capo del Prap della Campania ha chiarito, subito, di ‘non essere davanti ad una vera e propria rivolta'”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Maurizio Costanzo: stasera il ricordo al Teatro Parioli

    Il 24 febbraio 2023, il mondo della televisione italiana ha perso Maurizio Costanzo, una delle figure più influenti tra giornalisti, scrittori e presentatori. A...

    Omicidio dell’innocente Raffaele Pisa: ergastolo anche in appello per Perfetto e Legnante

    E' arrivata la sentenza di Appello per i due killer della vittima innocente Raffaele Pisa: ergastolo per Vitale Perfetto, conosciuto come "piett e fierr"...

    Incendio in una palazzina a Salerno: un ferito e residenti evacuati

    Nel primo pomeriggio a Salerno si è verificato un incendio in una palazzina a due piani situata in via Irno, con conseguente evacuazione degli...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE