Napoli, stadio Collana, Muscarà: “Rischio di un nuovo anno di gestione abusiva”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Non è bastato tutto quello che è stato fatto negli ultimi due anni, la sentenza di merito per lo ‘sfratto degli abusivi del Collana‘ è stata rinviata al 18 luglio”. Lo dichiara il Consigliere Muscarà principale promotrice delle iniziative di resistenza per garantire la gestione pubblica dell’impianto.

“Una brutta sensazione ed una ‘Festa della Liberazione’ per chi vive quello stadio, continuamente rimandata! Da tempo chiedo alla Regione di prendersi le proprie responsabilità, considerando che la colpa sia solo sua, organizzandosi con Arus e Coni per un passaggio di consegne che sia finalmente prodromo di una sana, legittima e trasparente gestione pubblica; invece, i tempi sembrano ancora biblici.

Se ci dovesse essere un ennesimo rinvio, a settembre il rischio è di trovare nuovamente gli ‘abusivi’ a gestire lo stadio. Ricordiamo che con la sentenza numero 3635, il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso della società Giano, riconsegnando lo stadio nelle mani della Regione Campania

    . Una storia lunga, infinita: non bastava la relazione del Commissario, nonostante fosse stata revocata dal Tar verso la fine del 2022 la gestione alla Giano, furono riconosciute una serie di irregolarità ed illegalità che sfociavano anche nel penale. Ora dobbiamo attendere ancora la sentenza di sfratto al 18 luglio!” conclude il consigliere!



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    ‘Madame Camorra’ di Giovanni Terzi: presentazione del libro a Salerno

    Il 24 febbraio, alle ore 17:30, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, 29, si terrà la presentazione...

    Voragine al Vomero: aperta un’inchiesta

    Sarà l'inchiesta della magistratura ad eccertare le cause ed eventuali responsabilità sulla voragine che questa mattina, in via Morghen al Vomero, si è aperta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE