Nasce il Centro studi sul patrimonio immateriale, lo gestirà la Fondazione Pro loco

SULLO STESSO ARGOMENTO

Roma – Un Centro studi sul patrimonio immateriale del nostro Paese. A gestirlo sarà la Fondazione Pro loco italiane che hanno presentato il loro progetto oggi a Palazzo Madama su iniziativa del senatore Antonio De Poli (Udc). Obiettivo: censire, diffondere e far conoscere le bellezze immateriali del nostro Paese, spesso sconosciute al grande pubblico. Rappresentazioni, espressioni, capacità, oggetti, usi, costumi e artigianati. Tutto sarà spiegato dai volontari Pro Loco sotto forma di moderni ciceroni.

“L’Italia è il Paese dei mille tesori nascosti- commenta De Poli- serve un piano nazionale per salvaguardare questi territori, censirli e farli conoscere a livello nazionale e internazionale”.

Entusiasta Antonino La Spina, presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia. “Piano piano prende corpo l’attività della nostra Fondazione- commenta- è la prima fase di un progetto che stiamo portando avanti a livello nazionale”. Il Centro studi, conclude, “vuole essere un grande contenitore e punto di riferimento per tutti il mondo del patrimonio immateriale, in cui ragionare su come tutelarlo e valorizzarlo”.



    De Poli (Udc): Pro loco fondamentali per diffusione nostre bellezze

    Il Centro studi sul patrimonio immateriale del nostro Paese è una possibilità per far conoscere “le bellezze nascoste italiane, ad occuparsi di tutto questo saranno le Pro Loco, una realtà fondamentale perché presente su tutto il territorio”. Così il senatore Antonio De Poli (Udc), intervenuto a Palazzo Madama per la presentazione del Centro studi sul patrimonio immateriale del nostro Paese.

    Le Pro Loco, ricorda De Poli, “sono presenti con più di seimila associazioni e oltre un milione di volontari. Chi meglio di loro può censire e portarci a conoscenza di questi territori?”.

    La Spina (Pro Loco): Un mln volontari per patrimonio immateriale

    “Abbiamo 6.300 realtà su tutto il territorio, oltre un milione di volontari e moltissimi collaboratori attraverso l’attivazione di un Comitato scientifico”.

    E’ l’esercito dei volontari Pro Loco presentati da Antonino La Spina, presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, intervenuto a Palazzo Madama per la presentazione del Centro studi sul patrimonio immateriale del nostro Paese.

    “Costituiremo poi un Comitato scientifico con tantissime personalità anche del mondo accademico, persone che lavorano nel campo dell’antropologia- assicura il presidente- questo stimolerà a fare meglio e a raccogliere quel che riguarda la Convenzione di Faro e i punti cardine della nostra attività”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    SFP: la soluzione ideale per la connettività Ethernet Gigabit

    La crescente esigenza di larghezza di banda da parte delle reti moderne ha reso necessario il potenziamento della velocità di trasmissione dei dati da parte delle infrastrutture di rete. La connettività Ethernet Gigabit, per l’appunto, è il prodotto di questa esigenza, cioè la tecnologia con cui si trasmette 1gigabit al secondo (1Gbps) e che, rispetto alla precedente (da 10 a 100 megabit al secondo), risulta essere decisamente più veloce. Una potenza del genere, di norma,...

    Rione Traiano, si spara contro le finestre di un pregiudicato

    Spari in via Catone contro l'appartamento del pregiudicato Domenico D'Alterio

    Nuovo allagamento in un palazzo del Vomero, evacuate 70 persone

    Un nuovo allagamento ha colpito un palazzo di via Solimena al Vomero, a Napoli, già interessato da una voragine apertasi dieci giorni fa in via Morghen, sull'altro versante dell'edificio. L'infiltrazione d'acqua ha costretto all'evacuazione di 70 persone. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i tecnici di Abc, l'azienda idrica del Comune.Le cause dell'allagamento sono ancora da accertare, ma si ipotizza la rottura di una conduttura o un allacciamento abusivo. Via Morghen e via...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE