L'OPERAZIONE

Appartamenti abusivi, ruspe in azione nel parco Verde a Caivano

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ partita a Caivano al Parco Verde, complesso abitativo popolare tra i più degradati noto soprattutto come una delle piazze di spaccio tra le più grandi d’Italia, l’opera di demolizione, ordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, di due appartamenti dichiarati abusivi con sentenza definitiva.

Appartamenti abusivi al Parco Verde a Caivano, ruspe in azione

Le due abitazioni, edificate senza alcuna autorizzazione e rispetto della normativa urbanistica in un’area coperta da vincoli sismico e di inedificabilità, erano state occupate illecitamente. Dopo la demolizione, l’ufficio giudiziario attiverà la procedura per il recupero delle spese dagli occupanti abusivi.

La procura: “Abusivismo combattuto fino in fondo”

In una nota, la procura guidata da Maria Antonietta Troncone, afferma che “le demolizioni trasmettono il segnale inequivocabile che l’abusivismo viene combattuto fino in fondo e che, soprattutto, non è conveniente”.

    Nelle scorse settimane immobili abusivi sono stati demoliti a Giugliano in Campania, ma già quando era a capo della Procura di Santa Maria Capua Vetere, Troncone fece abbattere nel Casertano, in particolare sul litorale domizio tra Castel Volturno, Mondragone e Cellole, una ventina di immobili.

    Tra questi fu abbattuta anche una casa abusiva a Casal di Principe dove vivevano due famiglie con bimbi piccoli, e ciò provocò delle proteste.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    San Tammaro, sequestrato autocarro con rifiuti pericolosi

    Operazione delle forze dell'ordine nel comune di San Tammaro (CE) ha portato al sequestro di un autocarro Fiat Iveco sospetto di trasporto illegale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE