Maltempo, stato di emergenza a Maratea: rimozione massi su strada chiusa

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono stati consegnati dall’Anas e sono iniziati i lavori per la messa in sicurezza della strada statale 18 Tirrena inferiore, in località Castrocucco di Maratea, nel tratto viario colpito dalla frana del 30 novembre, con caduta di massi rocciosi sia sulla carreggiata sia sulla spiaggia sottostante.

Inevitabile la chiusura della strada. Per la frana di Maratea il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza.

Per una durata di 40 giorni, le attività sulla statale Tirrena inferiore riguardano la rimozione (disgaggio) dei massi e la ripulitura dell’area interessata dall’intervento; procedono, inoltre, la progettazione per l’installazione delle reti e del sistema di monitoraggio e quella per le gallerie paramassi. Ieri pomeriggio nella sede dell’assessorato alle infrastrutture e alla mobilità della Regione Basilicata si è riunito il tavolo emergenziale.

    “Tutto sta procedendo secondi i tempi fissati, come relazionato dall’Università Federico II di Napoli e dall’Anas che continuano a dare il loro prezioso contributo”, hanno dichiarato l’assessore regionale Donatella Merra e il sindaco di Maratea Daniele Stoppelli.”

    “Allo stato attuale – hanno aggiunto – sono state ripristinate le reti fognaria e di adduzione idrica; ringraziamo Acquedotto Lucano per il tempestivo intervento. Il tavolo si riunirà, come già stabilito, a metà marzo per verificare l’avanzamento delle azioni e le progettualità in corso”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Voragine al Vomero, i ragazzi coinvolti: “Illesi per miracolo, poteva andare molto peggio”

    "Siamo veramente fortunati, la situazione avrebbe potuto essere molto, ma davvero molto peggiore. Siamo salvi per miracolo ed è tutto grazie anche alla prontezza...

    Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

    L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE