Giugliano, fugge ai carabinieri, poi si schianta e finisce in ospedale. Denunciato 43enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Quando ha incrociato una pattuglia di Carabinieri sapeva che la paletta si sarebbe alzata. Sapeva anche di non avere le targhe e che era in un mare di guai.

Nonostante tutto non ha svoltato, ha proseguito sperando nella sorte. Come previsto i militari della sezione radiomobile hanno immediatamente notato l’assenza di targhe e gli hanno imposto l’alt.

Per il 43enne di Villaricca una sola scelta: spingere il piede sull’acceleratore. L’inseguimento è stata la naturale conseguenza.

    Il 43enne ha mantenuto il sangue freddo per pochi chilometri, fino a quando si è esaurita la scarica di adrenalina. Ha perso il controllo dell’auto, colpito alcuni veicoli in sosta e messo un punto alla corsa. Dall’abitacolo è uscito contuso e con la gamba fratturata.

    E’ stato portato in ospedale ma la barella non gli ha risparmiato una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, porto di chiavi alterate e ricettazione.

    Nell’utilitaria, poi sequestrata, i carabinieri hanno trovato un kit completo per i furti: un flex, piedi di porco, guanti, cacciaviti, un enorme martello, targhe anche straniere risultate provento di furto e delle radiotrasmittenti. Il denunciato è ancora ricoverato.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, lancia borsello con la droga dalla finestra: arrestata incensurata

    E' accaduto a San Pietro a Patierno dove è finita in manette una donna di 26 anni

    Aggredisce guardia giurata all’ospedale Villa Betania di Ponticelli

    Ieri sera, poco prima delle 23, un individuo di 33 anni ha attaccato verbalmente e fisicamente una guardia giurata all'interno del pronto soccorso dell'ospedale...

    Scafati, sequestrati 2 milioni di prodotti per creare bijoux con tecnica “wire”

    Nell'ambito di un'operazione mirata al contrasto del commercio di articoli non sicuri, la Guardia di Finanza di Salerno ha sequestrato circa 2 milioni di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE