Giornalista inserisce una chiave USB nel suo PC e si scopre essere una bomba

SULLO STESSO ARGOMENTO

Così com’è stato riportato dalla BBC e da altri media, il giornalista Lenin Artieda dell’emittente televisiva Ecuavisa ha ricevuto una bomba sotto forma di chiavetta USB. Sfortunatamente Artieda ha inserito la bomba nel suo PC ed esplosa, ma fortunatamente ha riportato solo ferite lievi, così come riporta The Guardian.

È un esplosivo di tipo militare“, ha dichiarato ai giornalisti Xavier Chango, il capo del dipartimento di scienze forensi dell’Ecuador all’inizio della settimana, “ma è formato da capsule molto piccole“. Non è la prima volta che un dispositivo USB viene utilizzato per questo scopo, mentre qualche anno fa era stato creato un hardware capace di friggere qualsiasi PC venisse messo.

Gli addetti ai lavori non hanno alcuna informazione sull’oggetto esplosivo. I rapporti hanno notato che l’Ecuador, che si trova tra i due maggiori paesi produttori di cocaina al mondo (ovvero Perù e Colombia) ha registrato un aumento nella violenza molto probabilmente attribuito a guerre tra bande, così come affermato dal presidente del paese Guillermo Lasso.

    Queste bombe USB non sono state i primi attacchi ai giornalisti in Ecuador di recente. Lo scorso autunno, pensate, i filmati delle telecamere di sicurezza hanno catturato due uomini armati in motocicletta che sparavano alle porte della stazione televisiva RTS nella città di Guayaquil (dove si trova anche la sede di Ecuavisa).

    Non ci sono molte altre informazioni in merito, ma la chiave USB esplosiva sembra essere uscita da un film di spionaggio.

    Continua a leggere



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE