Fatture false per frodare Iva, sei indagati in provincia di Caserta

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ di quasi 1,4 milioni di euro il valore della frode fiscale (poco più di un milione di Iva e 377mila euro di Ires) scoperta dalla Guardia di Finanza a Piedimonte Matese.

L’inchiesta è relativa a quattro aziende operanti nel settore della fabbricazione di calzature che sono risultate controllate dalle stesse persone e destinate proprio a consumare la frode attraverso un giro di fatture per operazioni inesistenti.

L’indagine è stata coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere e ha portato al sequestro da parte dei finanzieri della Tenenza di Piedimonte di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, a carico di sei indagati.

    Tra le quattro società coinvolte nella frode c’era anche la cosiddetta “cartiera”, una società cioè fittizia il cui scopo era solo di creare costi inesistenti per altre due società, che emettevano le fatture false in favore di una quarta compagine sociale.

    Lo scopo del vorticoso giro di fatture era di abbattere il debito relativo al pagamento delle imposte dirette e dell’Iva.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Afragola, inchiesta sulla morte dell’operaio Pasquale Psipico

    Sarà l'inchiesta della magistratura a stabilire le cause esatte della morte dell'operaio di 35 anni Pasquale Pispico caduto ieri mattina da una impalcatura di...

    Quarto, schianto dopo la partita, muore arbitro di 22 anni

    Fabio Buoninsegni, un arbitro di calcio di 22 anni, di Quarto è morto in seguito a un grave incidente stradale avvenuto dopo una partita...

    Caserta, dimessa dall’ospedale, bambina di 7 anni muore il giorno dopo: scatta l’inchiesta

    I genitori di Giulia Rosa Natale chiedono giustizia: "Perché nostra figlia è stata dimessa prima della tragedia?"

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE