La furia dell’avvocato napoletano-nigeriano Sedu: “Convocazione Retegui in Nazionale assurda. E lo ius scholae?”

PUBBLICITA

Da anni si batte per veder riconosciuto lo ius scholae, ovvero il diritto di cittadinanza ai tanti figli di stranieri extracomunitari che hanno compiuto un intero percorso di studi in Italia, il più delle volte nati qui e italiani di fatto per lingua, istruzione scolastica e abitudini, ma non per legge.

Retegui in Nazionale, la furia dell’avvocato attivista

Di fronte alla convocazione nella nazionale italiana di calcio dell’argentino oriundo Mateo Retegui, l’avvocato napoletano di origini nigeriane Hilarry Sedu, un’adolescenza trascorsa a Castel Volturno e un passato da ex calciatore anche nella Salernitana, pubblica un post molto critico, in cui senza mezzi termini parla di “assurdità” e “discriminazione”.

L’avvocato napoletano-nigeriano Sedu e la lotta per lo ius scholae

“Ci riempiamo la bocca di integrazione ed inclusione sociale – scrive Sedu – ci investiamo miliardi di euro dello Stato, e poi assistiamo a delle assurdità come la convocazione in nazionale del calciatore Mateo Retegui”.

“Parliamo di un ragazzo nato in Argentina, mai vissuto in Italia, non parla una virgola di lingua italiana ed ovviamente non conosce l’Inno nazionale italiano, ma ha un passaporto italiano grazie ad un bisnonno immigrato in Argentina agli inizi del ‘900”.

“I giornalisti italiani hanno anche l’imbarazzo ad intervistare un giocatore della nostra nazionale che non parla la nostra lingua. Invece la cittadinanza italiana continua ad essere negata ai figli degli immigrati che sono nati e cresciuti sul suolo della Repubblica. Se questa non è una palese discriminazione, vi prego di farmi esempi più limpidi”.

Sedu ha ottenuto la cittadinanza dopo i 18 anni, visto che la legge attuale prescrive che uno straniero debba attendere la maggiore età per poter avanzare la richiesta.

Ultime Notizie

IN PRIMO PIANO

LEGGI ANCHE

Lady Maradona a Simeone: “Grazie, Cholito. Diego era qui con noi”

Claudia Villafane, moglie di Diego Armando Maradona, ha seguito da vicino, allo stadio di Fuorigrotta intitolato al 'Pibe de Oro', l'ultima partita di campionato tra il Napoli e la Sampdoria per rendere omaggio ai campioni d'Italia e festeggiare insieme a tutto il popolo partenopeo il terzo scudetto. La moglie di Diego ha ritrovato anche Carolina Baldini, madre di Giovanni Simeone,...

“Goal”, la mostra di 10 artisti napoletani per il terzo scudetto

GOAL! è il titolo della nuova mostra collettiva organizzata da Fondazione Morra Greco con il supporto della Regione Campania nell'ambito delle attività di EDI Global Forum a Palazzo Caracciolo di Avellino (Napoli) dall'8 al 30 giugno. Prendendo spunto dalla vittoria del terzo scudetto del Napoli, il goal è inteso come metafora nella vita e nell'arte: dagli scooter icone dei...

Poste Italiane, lo scudetto del Napoli nei racconti dei dipendenti

Tra raccomandate e pacchi, bollettini e contratti, la febbre azzurra è un ospite d’onore. Già, perché in questi giorni l’entusiasmo per il terzo scudetto si è fatto strada anche negli uffici postali di Napoli e provincia. Il giorno dopo la conquista del tricolore, nell’ufficio Napoli 21, in piazza Neghelli, non lontano da quello stadio Maradona che ha visto trionfare...