L’autopsia chiarirà il giallo della morte dell’anziana di Sarno

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sarà l’autopsia a chiarire le cause della morte di Grazia Prisco, l’80enne di Sarno, in provincia di Salerno, trovata senza vita ieri pomeriggio dopo sei giorni di ricerche in una zona di montagna del comune di Baiano, in provincia di Avellino.

La donna a bordo di un Apecar si era allontanata da casa insieme al suo convivente, anch’egli ottantenne di Sarno. Il cadavere è stato ritrovato ieri pomeriggio da un cane molecolare della Stazione di soccorso alpino della Guardia di Finanza di Sant’Angelo dei Lombardi che da giorni, insieme a carabinieri, vigili del fuoco e polizia municipale erano alla sua ricerca.

Il compagno della donna era stato ritrovato il giorno prima in stato confusionale: ai soccorritori ha detto di non ricordare nulla. Ora si trova ricoverato in ospedale per le conseguenze dovute ad un trauma cranico. Le immagini delle telecamere di video sorveglianza pubbliche e private installate sulla strada statale hanno registrato il passaggio dell’Apecar a Monteforte Irpino in direzione di Baiano.

    Una ipotesi è quella che i due anziani, il cui allontanamento da Sarno non trova ancora spiegazioni, abbiano sbagliato direzione finendo, complice il buio, per perdersi sulla montagna di Baiano, in località Arco di Rienzo, caratterizzata da una fitta boscaglia. Non si esclude anche che siano stati vittime di un incidente o di un’avaria del mezzo dopo il quale l’uomo si sarebbe allontanato per chiedere aiuto lasciando la compagna nell’Apecar.

    Il corpo della donna è stato trovato a poche centinaia di metri dall’automezzo a sua volta individuato grazie alla segnalazione di un agricoltore del posto. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Avellino.

    Cosa li ha spinti a mettersi in viaggio senza avvisare familiari e amici? Da cosa ‘scappavano’ i due anziani di Sarno per sfidare i pericoli di un viaggio a bordo di un mezzo di locomozione poco sicuro? Cosa è accaduto di preciso sulla montagna di Arco di Rienzo, nel comune irpino di Baiano, dove l’Apecar si è fermato nella notte tra giovedì e venerdì scorsi?

    Domande che restano sospese, in parallelo con le risposte che verranno dall’autopsia sul corpo di Grazia Prisco disposta dalla Procura di Avellino, che coordina le indagini, per stabilire le cause della morte. Il suo compagno, ricoverato in ospedale, dice di non ricordare nulla. Un’ipotesi è quella che possano aver sbagliato strada mentre percorrevano la Statale 7 che collega Avellino a Napoli.

    L’immagine dell’Apecar è stata registrata dalle telecamere pubbliche e private installate nel territorio di Monteforte Irpino: arrivati nei pressi di Baiano, anche a causa del buio, potrebbero essersi persi dopo aver imboccato la strada che conduce in montagna. Non sembra confermata l’ipotesi di un incidente, piuttosto prende corpo quella di un guasto meccanico che avrebbe bloccato l’automezzo nella fitta boscaglia di Arco di Rienzo.

    L’uomo sarebbe andato alla ricerca di aiuto, lasciando l’anziana compagna nell’Apecar; la donna a sua volta si sarebbe allontanata per alcune centinaia di metri, dove è stata poi ritrovata senza vita. Un giallo con molte domande aperte che gli inquirenti, in attesa che migliorino le condizioni dell’anziano sopravvissuto, cercheranno di ricostruire anche ascoltando eventuali familiari e conoscenti della coppia che vivono a Sarno.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Sequestrati nel carcere di Avellino telefoni e apparecchiature elettroniche in uso ai detenuti

    Ancora sequestri nel carcere di Avellino di telefoni e apparecchiature elettroniche in uso ai detenuti. Nella sala riservata alla socialità del reparto alta sicurezza, sono stati trovati e sequestrati dieci smartphone con i rispettivi caricabatterie, un router modem, un bilancino e una chiave a brugola, probabilmente utilizzata per smontare le...

    Avellino, volantini diffamatori contro candidato sindaco: denunciato

    Un uomo di 46 anni è stato denunciato per aver distribuito volantini diffamatori contro un candidato sindaco nelle prossime elezioni amministrative a Moschiano (Avellino). L'individuazione del responsabile è avvenuta grazie alle indagini condotte dai poliziotti del Commissariato di Lauro e dai Carabinieri della stazione di Quindici. Il 46enne, che nella...

    CRONACA NAPOLI