Napoli, il padre di Ugo Russo: ‘Qualcuno ha voluto che morisse’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Qualcuno ha voluto che Ugo morisse quella sera, perché è stato inseguito e ammazzato. Il carabiniere? Non sta a me giudicare, rispetteremo le sentenze”.

Lo ha detto, il padre di Ugo Russo, rispondendo alle domande dei giornalisti stamattina, all’esterno del Tribunale di Napoli dove si è svolta l’udienza preliminare del processo nel quale è imputato il carabiniere che gli sparò, uccidendolo, la notte tra il 29 febbraio e il primo marzo 2020, a Napoli, mentre il 15enne tentava di rapinargli l’orologio.

In relazione al murales che ricorda Ugo, realizzato nei Quartieri Spagnoli, per il quale il Consiglio di Stato, ieri, ha disposto la rimozione, Vincenzo Russo ha ribadito che le sentenze vanno rispettate: “Rispetteremo anche questa – ha detto – anche se per noi è un’ ingiustizia. Ma non ci staremo zitti quando verranno a coprirlo”.



    A chi gli ha chiesto quale fosse lo stato d’animo di tutta la famiglia, il padre di Ugo ha risposto che loro hanno già perso “dal primo giorno”. “Il nostro stato d’animo? – ha ribadito Vincenzo Russo – Sono tre anni che dormiamo poco la notte, che si piange, che ci attaccano, e non so perché.

    Mio figlio stava sbagliando, quella sera, l’abbiamo sempre ammesso, però avete letto gli atti della Procura e gli atti parlano. Hanno lavorato tanto, e questo ci fa piacere, noi abbiamo fiducia nella magistratura.

    La mia verità? Stava scappando, sarebbe stato arrestato, sarebbe finito in un carcere minorile e avrebbe pagato per quello che stava facendo. Magari oggi mio figlio stava in carcere e avremmo potuto aprire gli occhi sulla strada che stava intraprendendo”.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Francesco Benigno escluso dall’Isola dei Famosi dopo la lite con Peppe Di Napoli: scatta la protesta

    Francesco Benigno è stato squalificato dall'Isola dei Famosi dopo meno di una settimana. La produzione del reality ha comunicato la decisione con una nota ufficiale, senza specificare i "comportamenti non consoni e vietati dal regolamento" che hanno portato all'espulsione dell'attore. Benigno, dal canto suo, ha duramente contestato la squalifica sui...

    Ronaldo vince arbitrato contro la Juventus: il club bianconero dovrà pagargli 19,5 mln di euro

    Nel corso del terzo tentativo di arbitrato per dirimere la controversia sul pagamento di 19,5 milioni di euro di stipendi arretrati spettanti a Cristiano Ronaldo, l'ex stella della Juventus ha finalmente ottenuto giustizia al di fuori delle aule di tribunale. Il collegio arbitrale incaricato di risolvere la questione, composto...

    Procura FIGC, chiuse indagini su caso scommesse Benevento: quattro calciatori a rischio squalifica

    Le indagini sulla presunta partecipazione a scommesse illegali nel calcio hanno portato a conseguenze serie per quattro giocatori, attualmente o ex del Benevento Calcio, che rischiano una squalifica di tre anni. Gaetano Letizia, Francesco Forte, Enrico Brignola e Christian Pastina sono i nomi coinvolti nel caso, che ha scosso...

    Giffoni, Premio Leonardo a Giancarlo Giannini

    Il 10 maggio a Giffoni Valle Piana l'ottava edizione Leonardo 2024 a Giancarlo Giannini. Per la prima volta l’attore sarà premiato non solo perché simbolo del cinema italiano ma come progettista tecnico. Presentano Pino Strabioli e Alba Parietti. Tema la luna: interverrà Giani Togni. I premiati: per la Divulgazione Scientifica Alberto Luca Recchi per...

    Dario Vassallo invita l’attore Rocco Papaleo a leggere la sua favola ‘Maratea e la foca monaca’

    “Voglio ufficialmente invitare il talentuoso attore Rocco Papaleo a unirsi a noi quest'estate a Maratea per una lettura molto speciale. La scelta di coinvolgere te caro Rocco è motivata dalla sua profonda connessione con la terra lucana e dalla sua capacità di trasmettere emozioni attraverso la recitazione. La lettura...

    IN PRIMO PIANO