Omicidio Rosa Alfieri, l’assassino in aula: “Le voci mi dicevano di farlo”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ha mimato l’aggressione, ha spiegato come ha trascinato la sua vittima in casa, prima di metterle le mani intorno al collo e ucciderla. Per ubbidire alle voci che gli dicevano di uccidere.

Inizia così, nell’aula 116, davanti alla Corte di Assise di Napoli(seconda sezione), il racconto dell’orrore di Elpidio D’Ambra, il 31enne reo confesso dell’omicidio di Rosa Alfieri, la 22enne di Grumo Nevano, assassinata nelle prime ore del pomeriggio del 2 febbraio del 2022. D’Ambra ha risposto alle domande premettendo di essere sotto effetto di farmaci psichiatrici e di soffrire di vuoti di memoria.

Ricordava nitidamente però che quel giorno aveva assunto in un breve lasso di tempo un ingente quantitativo di droga, un grammo di cocaina e anche mezzo grammo di crack. Ed è proprio quest’ultima droga che, sostiene, gli avrebbe fatto perdere la testa. Ai giudici ha spiegato di avere approcciato Rosa dicendole che voleva farle controllare il contratto di locazione.



    Omicidio Rosa Alfieri, Elpidio D’Ambra in aula: “Chiedo aiuto a voi e a Dio…”

    Poi le ha messo il braccio sinistro intorno al collo, come fanno i lottatori, e se l’è trascinata in casa. E’ stato allora che sono sopraggiunte le voci e il buio. “Quando mi sono ripreso – ha detto – ero a terra, con le mani intorno al collo di Rosa… capisco il dolore del padre di Rosa… chiedo scusa a voi… so che la famiglia non mi perdonerà mai. E hanno ragione, chiedo aiuto a voi e a Dio”, ha poi detto in lacrime.

    D’Ambra ha anche avuto una reazione scomposta, nei confronti del pm, prontamente sedata dal suo avvocato e dal presidente Concetta Cristiano. L’istruttoria sarà chiusa il 28 marzo, giorno in cui il pubblico ministero farà la sua requisitoria. Le parte civili (l’avvocato della famiglia Alfieri Carmine Busiello e l’avvocato della Fondazione Polis Gianmarco Siani) discuteranno invece il 4 aprile. Il legale dell’imputato, l’avvocato Mattia Cuomo, il 12 aprile.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

    Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE